Bullismo, la Danimarca annuncia un piano nazionale per arginarlo

Prevista istituzione agenzia per raccogliere le denunce se scuola immobile
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

bullismoROMA – Un piano nazionale per fermare il bullismo e’ stato annunciato dal ministro per l’istruzione danese Ellen Trane Nørby. “Il bullismo e’ un problema per i bambini, ma la responsabilita’ e’ degli adulti“, scrive il ministro nel suo sito. “Anche se il numero di giovani che hanno esperienza di bullismo e’ diminuito, e’ ancora 1 su 5 che dice di esserne stato vittima” e “mi preoccupa che 6 su 10 studenti che hanno sperimentato il bullismo l’anno scorso, dicono di esserne stati vittime da anni”.

Per questo, in collaborazione con Save the Children, Børns Vilkar, il Consiglio nazionale per l’infanzia e la Fondazione Mary e’ stato preparato un piano d’azione nazionale contro il bullismo. Del pacchetto fanno parte raccomandazioni per i genitori, indicazioni per i professori, i responsabili e tutto il personale coinvolto a vario titolo nelle scuole primarie e scuole secondarie con iniziative congiunte e per ogni singolo attore.

Il piano prevede anche l’istituzione di un’agenzia centrale, dove i bambini si possono rivolgere se la scuola non sta facendo nulla. Secondo uno studio di Save the Children, il 36% delle scuole non hanno una strategia anti-bullismo, e il 6% dei dirigenti non si e’ nemmeno posto il problema. “Tutte le scuole dovrebbero avere una strategia anti-bullismo” scrive Ellen Trane Nørby “non racchiusa in un raccoglitore in ufficio, ma come uno strumento attivo che viene utilizzato nella vita quotidiana. E tutti a scuola devono conoscere la strategia”.

(www.agensir.it)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»