Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Terremoto, frutta e miele a Km zero per il ritorno dei bimbi in classe

ROMA - Un cestino agri-bag con pesche, mele, succo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

miele grandeROMA – Un cestino agri-bag con pesche, mele, succo di frutta a km zero e caramelle al miele per “addolcire” il ritorno sui banchi dopo la tragedia del terremoto. E’ l’iniziativa pensata dalla Coldiretti per il primo giorno di scuola per gli alunni di Arquata del Tronto, con le lezioni riprese nella tensostruttura realizzata nel paese del Piceno devastato dal sisma.

I prodotti sono stati offerti dalle aziende di Campagna Amica come segno di vicinanza e solidarieta’ ma anche per cercare di contribuire al ritorno alla normalita’, che e’ di vitale importanza soprattutto per i bambini, fermi restando i problemi che le famiglie colpite dal sisma continuano a vivere.

Ma proporre in classe una merenda “contadina” e’ anche un modo per avvicinare le nuove generazioni alla corretta educazione alimentare come avviene in molte altre scuole della Penisola con il progetto educazione alla Campagna Amica.

Intanto continuano le iniziative promosse dalla Coldiretti per sostenere le aziende agricole colpite dal sisma. Allo scopo e’ stato attivato uno specifico conto corrente denominato “Coldiretti Pro-Terremotati” (Iban: IT 74 N 05704 03200 000000127000) dove indirizzare la raccolta di fondi.

LEGGI ANCHE:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»