Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Report del Consiglio Grande e Generale, seduta del 14 luglio – seduta del pomeriggio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Nel pomeriggio il Consiglio Grande e Generale prosegue nell’esame e nella ratifica dei
decreti. Via libera con voto unanime dell’Aula al Decreto-Legge del 30 giugno 2021 n.124
“Proroga delle disposizioni per l’allentamento delle misure di gestione dell’epidemia da Covid-19
e ulteriori misure”. Il provvedimento, in particolare, pone fine all’obbligo di indossare la
mascherina anche nei luoghi al chiuso. Il governo presenta inoltre un emendamento per prorogare
al 30 settembre 2021 il primo acconto Igr, per andare incontro ai problemi di liquità delle imprese,
conseguenza sull’economia dell’emergenza sanitaria.
I lavori si concentrano poi sul Decreto Delegato 30/06/2021 n.123 “Interventi riguardanti
il lavoro occasionale, l’armonizzazione e l’efficientamento dell’ingresso nel mondo del lavoro”,
presentato dal Segretario di Stato per il Lavoro Teodoro Lonfernini. Il decreto è l’esito di una
mediazione raggiunta con le associazioni sindacali e “ha un duplice obiettivo- spiega la relazione
al provvedimento- rivedere lo strumento del lavoro occasionale, renderlo efficiente nonché
equilibrare le procedure per l’avvio di personale”. Diverse le novità: “Si introduce un nuovo
strumento di flessibilità a tutte le imprese, utile in un periodo di ripartenza economica
caratterizzata da forte instabilità e difficoltà di programmazione”. Ovvero, “rispetto la legge
originaria si amplia questa tipologia di lavoro a quasi tutti i settori economici, introducendo dei
limiti per lavoratori, tradotti in ore e non più in giornate, e un monte ore massimo per impresa”.
Altro aspetto di novità sono “le procedure per l’avvio che diventano più snelle, senza più obbligo di
preiscrizione, rimandando tutti i controlli in una fase successiva, inasprendo però le sanzioni”.
Sono ampliati anche i possibili fruitori, includendo anche lavoratori autonomi, titolari di impresa
individuale e lavoratori a tempo pieno “al fine di permettere a coloro che hanno subito una
riduzione di personale un’integrazione del reddito”. Infine “si è deciso di permettere la possibilità
di essere avviati con questo strumento anche ai percettori di ammortizzatori sociali, senza
prevedere una riduzione dell’ammortizzatore”. Nel dibattito, gli interventi rilevano a livello
bipartisan come la proposta del governo sia migliorativa rispetto all’introduzione di maggiore
flessibilità e all’estensione in più settori del lavoro occasionale. Non mancano i rilievi da parte dei
consiglieri di opposizione sull’esigenza di maggiore libertà nelle assunzioni per le imprese e sulla
necessità che comunque si evitino abusi nel ricorso a questo strumento, anche attraverso un
maggiore costo a carico del datore di lavoro.
Nel corso dell’esame dell’articolato, diversi sono gli emendamenti dell’opposizione
concordati con il governo e approvati. Tra questi, all’articolo 7 “Retribuzione e versamento dei
contributi” sono approvati entrambi gli emendamenti di Libera e di Rf, volti a “far costare un po’
di più” il lavoro occasionale. In dettaglio, Libera propone di incrementare dell’1% la
contribuzione a carico del datore di lavoro, quota da destinarsi alla Cassa ammortizzatori sociali.
Mentre Rf propone un extra compenso “a compensazione della maggiore precarietà e dei minori
diritti connessi a tale tipologia di prestazione, pari al 5% della tariffa oraria”. A riguardo,
interviene Giovanni Maria Zonzini di Rete per proporre un accordi di mediazione: “Tenere l’1%
di aggravio da destinarsi alla Cassa ammortizzatori sociali proposto da Libera e portare
l’extracompenso di Repubblica futura al 4%, di aggravio per il datore, in modo che resti un 5% in
più”, a disincentivo del ricorso a questo strumento. Il Segretario Lonfernini si esprime a favore
della mediazione, anche se precisa: “La parte di divieto di salari di ingresso già di per sé è
superiore al valore del 5% che si propone”, come forma di tutela. Matteo Ciacci, Libera, ratifica
l’accordo che “sintetizza il principio sposato dal mio gruppo su questo decreto: rendiamolo più
flessibile, apriamo le maglie al lavoro occasionale, ma facciamolo costare un po’ di più- sottolineasarà interessante vagliare il trend dell’uso di questo strumento”. Anche Andrea Zafferani, Rf, si
dice in favore della mediazione, “portando l’extracompenso al 4% si ha un risultato medesimo”.
Alla fine il decreto viene ratificato senza voti contrari: 33 a favore 5 astenuti.
Prima di chiudere la seduta del pomeriggio l’Aula inizia la discussione sul Decreto delegato
17 maggio 2021 n.90, Modifiche alla Legge sulle società, presentato dal Segretario di Stato per
l’Industria e il Commercio, Fabio Righi. “Il decreto è frutto di una delega previsto nelle norme in
materia societaria- precisa il Segretario- la vera e propria riforma è in fase di definizione”. Più
che altro l’intervento“mira a colmare delle lacune pratiche per andare incontro alle esigenze degli
operatori- prosegue- l’emergenza sanitaria ha poi imposto un intervento di urgenza”,
l’introduzione del Tnotice per la trasmissione di tutti gli atti per cui è prescritto il deposito presso
l’ufficio Attività Economiche, “per far sì che per la consegna della documentazione agli uffici, in
modo banale, potesse essere utilizzata l’email”. E’ un provvedimento che in definitiva “mira a
risolvere aspetti pratici in un’ottica di sburocratizzazione”. Infine “è consentita la visualizzazione
on line del Registro delle Società ai soggetti vigilati ai sensi della Legge 17 Novembre 2005 n. 165,
nonché ai Professionisti Abilitati e ad altri soggetti indicati in apposito regolamento approvato dal
Congresso di Stato”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»