Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Commissione europea avvia procedure di infrazione contro Ungheria e Polonia per violazione dei diritti fondamentali

BANDIERE UE
L'Ungheria vieta o limita l'accesso a contenuti che promuovono o ritraggono la divergenza dall'identità personale, il cambiamento di sesso o l'omosessualità per i minorenni, mentre la Polonia ha istituito le "zone franche Lgbt"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Alessio Pisanò

BRUXELLES – “La Commissione europea sta avviando procedure di infrazione contro l’Ungheria e la Polonia relative all’uguaglianza e alla tutela dei diritti fondamentali“. Lo si legge in una nota stampa della Commissione europea.

Sull’Ungheria, i casi includono la legge di recente adozione, che vieta o limita l’accesso a contenuti che promuovono o ritraggono la cosiddetta divergenza dall’identità personale corrispondente al sesso alla nascita, al cambiamento di sesso o all’omosessualità per i minori di 18 anni”.

LEGGI ANCHE: Omofobia, von der Leyen attacca l’Ungheria: “Legge vergognosa contro la comunità Lgbtq”

Per quanto riguarda la Polonia, la Commissione ritiene che “le autorità polacche non abbiano risposto in modo completo e appropriato alla sua indagine sulla natura e l’impatto delle risoluzioni” sulle cosiddette “zone franche Lgbt” adottate da diverse regioni e comuni polacchi.

I due Stati membri, ricorda la Commissione, dispongono ora di due mesi per rispondere alle argomentazioni della Commissione. In caso contrario, la Commissione potrà decidere di inviare ai due stati “un parere motivato” e “in una fase successiva deferirli alla Corte di giustizia dell’Unione europea”.

LEGGI ANCHE: Bruxelles contro Orban: “Ungheria viola i diritti della comunità Lgbtq+”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»