Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La giunta Ballico acquisisce l’Istituto Gesù Divino Operaio di Ciampino al patrimonio pubblico

igdo ciampino
L'amministrazione comunale recupererà le centinaia di migliaia di euro di Imu mai pagata dai proprietari per il complesso immobiliare di 65.000 metri cubi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Oggi finisce la vergogna! Il più grande complesso immobiliare di Ciampino, origine della sua storia urbana, 65.000 metri cubi su oltre tre ettari nel centro della città, era stato acquisito da un privato nel 2017 per l’esigua somma di 1.610.000 euro, mentre la vecchia Amministrazione restava misteriosamente a guardare in silenzio, rinunciando ad esercitare il diritto di prelazione. Con quest’atto, la Giunta Ballico intende curare il cuore malato di Ciampino. Oggi l’I.G.D.O. è ancora un luogo abbandonato al degrado igienico-sanitario, staticamente precario e teatro di attività illegali di ogni tipo, che hanno segnato la triste storia del centro mancato di Ciampino. La Giunta Ballico non vende sogni, li realizza, e non farà più sconti e regali di nessun tipo, e recupererà le centinaia di migliaia di euro di Imu mai pagata dai proprietari, forse per l’ennesima distrazione di chi doveva controllare”. Così in un comunicato il Comune di Ciampino.

LEGGI ANCHE: Ballico: “Attivate le procedure di acquisizione dell’Igdo al patrimonio comunale di Ciampino”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»