Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Roma, Raggi firma l’ordinanza per riaprire la discarica di Albano Laziale

virginia-raggi
L’impianto potrà accogliere fino ad un massimo di 1.100 tonnellate al giorno per 180 giorni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La sindaca della Città Metropolitana di Roma, Virginia Raggi, ha firmato un’ordinanza contingibile e urgente per la riapertura della discarica di Albano Laziale. L’impianto, come disposto dalla sindaca, potrà accogliere fino ad un massimo di 1.100 tonnellate al giorno di scarti lavorati dagli impianti di trattamento, per un periodo di 180 giorni.

Il provvedimento, si legge in una nota, “è stato disposto per far fronte, nel breve periodo, alla crisi nella gestione del ciclo dei rifiuti che sta interessando le province del Lazio. L’ordinanza, infatti, individua la sussistenza di situazioni di eccezionale ed urgente necessità di tutela della salute pubblica e dell’ambiente al fine di scongiurare il rischio di un’emergenza sanitaria. La riapertura della discarica di Albano era tra le ipotesi al vaglio dei tavoli tecnici convocati presso il Ministero della Transizione Ecologica”.

I RIFIUTI A ROMA

Da settimane, in alcune zone della città, la mancata raccolta dei rifiuti- specie nel quadrante Est- ha determinato situazioni insostenibili. Tanti i roghi appiccati dai cittadini per liberarsi dell’immondizia che affollava i marciapiedi. Due giorni fa gli abitanti del Quadraro erano scesi in strada.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»