Coronavirus, Iss: 1,8% di casi in età pediatrica, 51,4% sono maschi

Lo studio effettuato su casi di diagnosi confermate di Covid-19 dal 20 febbraio all'8maggio 2020
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “I casi pediatrici di Covid-19 in Italia sono l’1,8% del totale, con un’eta’ media di 11 anni, e nel 13,3% dei casi sono stati ricoverati in ospedale”. La fotografia e’ stata scattata da uno studio appena pubblicato sulla rivista scientifica ‘Pediatrics’ intitolato ‘COVID-19 Disease Severity Risk Factors for Pediatric Patients in Italy’, a cura del Reparto di Epidemiologia, Biostatistica e Modelli matematici del Dipartimento Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanita’, da cui emerge che un rischio maggiore (piu’ del doppio) risulta associato a patologie preesistenti.

“Sono stati analizzati i dati del sistema di sorveglianza nazionale- spiegano dall’Iss- basato sui casi di diagnosi confermate di COVID-19 dal 20 febbraio all’8 maggio 2020. Le caratteristiche demografiche e cliniche, insieme ai fattori di rischio per la gravita’ della malattia, sono state valutate nei neonati, bambini e adolescenti e poi confrontate con la popolazione adulta e anziana”.

I casi pediatrici, dunque, rappresentano “l’1,8% delle diagnosi totali (3.836/216.305), l’eta’ mediana e’ di 11 anni, il 51,4% sono maschi, il 13,3% sono stati ricoverati in ospedale e il 5,4% presentava patologie pregresse. La malattia da COVID-19 e’ stata lieve nel 32,4% dei casi e grave nel 4,3%, in particolare nei bambini di eta’ =6 anni (10,8%); tra i 511 pazienti ospedalizzati, il 3,5% e’ stato ricoverato in terapia intensiva e si sono verificati quattro decessi (due <1 anno e due tra 5 e 6 anni)“.

Tutti e quattro i bambini sono deceduti “per un deterioramento di condizioni di base gia’ molto compromesse– spiegano ancora gli esperti- per cui l’impatto dell’infezione da SARS-CoV-2 potrebbe aver aggravato la situazione, ma non sembra possa essere considerata la causa principale della morte. Un minor rischio di gravita’ della malattia e’ associato all’aumentare dell’eta’, mentre un rischio maggiore (piu’ del doppio) risulta associato a patologie preesistenti”.

Il tasso di ospedalizzazione, il ricovero in terapia intensiva, la gravita’ della malattia e i giorni dall’esordio dei sintomi alla guarigione “aumentano significativamente con l’eta’ tra i bambini, gli adulti e gli anziani“, aggiungono dall’Istituto superiore di Sanita’.

I dati suggeriscono quindi che i casi pediatrici di COVID-19 “siano meno gravi rispetto alle altre classi di eta’, tuttavia l’eta’ =1 anno e la presenza di condizioni patologiche preesistenti rappresentano fattori di rischio di gravita’ della malattia, pertanto le misure di controllo andrebbero mantenute ed eventualmente implementate per proteggere i bambini piu’ vulnerabili”.

Anche se ad oggi l’epidemia di COVID-19 ha colpito in maniera piuttosto limitata i neonati, i bambini e gli adolescenti, non si’ e’ ancora potuto valutare “un reale impatto della malattia a causa del distanziamento sociale e della chiusura delle scuole. Inoltre la popolazione pediatrica nella trasmissione del virus potrebbe giocare un ruolo attivo”, concludono gli esperti.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»