Scontro bici-furgone sulla statale Andria-Barletta, morti tre ragazzi: il più giovane aveva 17 anni

I tre erano su una bici elettrica, forse rientravano da una festa quando sono stati investiti
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BARI – Erano in tre in sella a una bici elettrica quando, percorrendo la strada statale 170 che collega Andria a Barletta, sono stati travolti da un furgone. Due di loro sono morti sul colpo, il terzo e’ deceduto in ospedale ad Andria, dove era arrivato in condizioni gravissime.

Secondo quanto si apprende da fonti sanitarie, i tre erano nei pressi di un distributore quando e’ successo l’incidente. Le vittime hanno tra i 17 e i 19 anni. Sul posto oltre al personale del 118 sono intervenuti i carabinieri. Da accertare l’esatta dinamica dell’incidente. Sotto shock il conducente del furgone che li ha travolti. Forse rientravano da una festa quando sono stati investiti. La procura di Trani ha aperto un fascicolo di inchiesta sull’incidente stradale avvenuto questa mattina alle cinque sulla strada statale 170 tra Andria e Barletta in cui tre ragazzi sono morti. L”potesi di reato e’ omicidio stradale. Sul posto assieme ai carabinieri c’e’ il pm della procura di Trani Giuseppe Francesco Ajello.

Si chiamavano Michele Chiarulli, Pasquale Simone e Giovanni Pinto le tre vittime dell’incidente stradale avvenuto questa mattina alle 5 lungo la strada statale 170 tra Andria e Barletta. Chiarulli era l’unico maggiorenne del gruppo, aveva 19 anni mentre gli altri due avevano 17 anni. I carabinieri che stanno indagando sull’accaduto hanno acquisito e visionato le immagini registrate dai circuiti di videosorveglianza del distributore di benzina vicino a cui e’ avvenuto il tremendo impatto tra il furgone e la bici elettrica a bordo della quale viaggiavano i tre ragazzi. Dai frame la bici sembra non avere fanali accesi ma potrebbe darsi che il terzo passeggero la coprisse con il suo corpo, riferiscono gli investigatori. Il conducente del mezzo furgonato dopo il tremendo impatto si e’ fermato a prestare soccorso. Con lui c’erano altri due colleghi: i tre sono operatori mercatali ed erano diretti ad Andria. Le vittime avevano trascorso la serata con amici e stavano accompagnando uno di loro a casa in bici, mezzo che pero’ non puo’ percorrere le strade extraurbane. Non e’ escluso che il magistrato della procura di Trani che coordina le indagini dei carabinieri di Barletta possa disporre l’autopsia.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»