Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Clima. Da Londra a Glasgow, blitz in 5 città per emissioni zero

Le iniziative di Extinction Rebellion: 'Tutelare la biodiversità'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print









Precedente
Successivo

ROMA – Iniziative di protesta a effetto, con pratica yoga e installazioni con barche a vela, si sono tenute oggi in cinque città del Regno Unito. L’obiettivo è chiedere al governo di Londra di impegnarsi a tutelare la biodiversità e ad azzerare le emissioni di gas serra entro il 2025.

Le dimostrazioni, in luoghi simbolo di Bristol, Cardiff, Londra, Glasgow e Leeds, sono state presentate dagli attivisti di Extinction Rebellion come “mobilitazione di emergenza di ordinari cittadini spinti ad agire dalle minacce della crisi ambientale e della catastrofe ecologica”.

Parte dell’iniziativa, e degli “atti creativi di disobbedienza civile”, non solo il blocco di strade e ponti ma anche seminari, dibattiti e assemblee. Fotografie diffuse sui social network hanno mostrato le installazioni con barche a vela, sulle fiancate la scritta “Act Now”, “agisci ora” e, in strada, anche a Londra, di fronte ai Reali tribunali di giustizia, attivisti seduti in posizione yoga.

Per Extinction Rebellion si tratta di una nuova prova dopo gli 11 giorni di mobilitazioni ad aprile, con blitz nei quartier generali dei petrolieri di Royal Dutch Shell o dei banchieri di Goldman Sachs.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»