VIDEO|Roma, sgombero all’ex scuola di via Cardinal Capranica. Salvini: “Nessuna tolleranza”

Già dalle 23.30 nella zona circostante la palazzina in cui vivono circa 300 persone, 78 nuclei familiari con 80 bambini, sono arrivate decine di agenti del Reparto Mobile della Questura di Roma con i blindati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Aggiornamento ore 13.45

Traslocano in silenzio gli ultimi, a questo punto ex, occupanti di Primavalle, a Roma. “Sono qui dal 2010, questa era casa mia“, racconta un 59enne marocchino lasciando l’ex scuola di via Cardinal Capranica sgomberata questa mattina. È continuo il via vai di persone nella struttura, dove sono ancora evidenti i segni della guerriglia di questa mattina. Polizia e Carabinieri controllano gli accessi all’ex istituto ‘Don Calabria’ occupato dal 2003, consentendo a chi viene accompagnato dagli uomini della Sala Operativa Sociale del Comune di Roma di rientrare per prendere effetti personali e pochi averi. “Io abitavo qui da 14 anni e ho la residenza qui”, si sfoga una donna etiope, “Sono due giorni che non dormo, qui tutti attendevamo lo sgombero, ma adesso che sarà di noi?“. Mentre la donna si interroga sul futuro, dall’ingresso principale, divelto qualche ora fa dal Reparto Mobile, esce l’ennesima famiglia. Il padre, un tunisino, racconta: “Andiamo in uno di questi posti qua che ci dicono loro, speriamo bene”. In cima a via Capranica, sul lato di via Bembo, il camper della Sala operativa sociale raccoglie adesioni e smista gli ex occupanti nelle varie strutture di accoglienza. Chi è a piedi viene indirizzato a un bus, chi ha la macchina può recarsi lì autonomamente. Intanto dall’interno della struttura si sentono risuonare frullini e seghe elettriche.

Cosa è successo stamattina

È a un punto di svolta lo sgombero  dell’ex scuola Don Calabria in via Cardinal Capranica, a Primavalle, quartiere periferico di Roma, dove risiedono circa 300 persone, tra cui molti nuclei familiari e diversi minori. Le forze dell’ordine sono entrate nell’area esterna allo stabile e, parlando al megafono, hanno convinto alcuni occupanti – nel frattempo saliti sul tetto – ad uscire dal palazzo. Alcuni hanno accettato di abbandonare la struttura, mentre altri restano ancora dentro. La preoccupazione di tutti è avere una adeguata sistemazione alloggiativa, e in particolare senza essere divisi dalla propria famiglia. Momenti di tensione si sono registrati al momento dell’ingresso delle forze dell’ordine nel cortile della scuola, quando alcuni occupanti hanno sollevato bombole del gas. Al momento le operazioni proseguono senza incidenti.

Nessuna tolleranza e nessuno sconto ai violenti che occupano, incendiano e attaccano le Forze dell’Ordine. Lo stabile è pericolante, immigrati e centri sociali che fanno le barricate mettono a rischio l’incolumità di donne e bambini. I cittadini romani e gli italiani meritano legalità. Stiamo recuperando anni di assenza”, scrive su Facebook il ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

Un gruppo di occupanti dell’ex scuola Don Calabria, questa mattina, ha accettato gli alloggi alternativi proposti. Una delegazione di esponenti della Questura e della Polizia Locale ha provato ad avviare un dialogo con gli altri occupanti.

Era salita già nella notte la tensione nell’occupazione di via Cardinal Capranica, in zona Primavalle, a Roma. Già dalle 23.30 infatti, nella zona circostante la palazzina in cui vivono circa 300 persone, 78 nuclei familiari con 80 bambini, sono arrivate decine di agenti del Reparto Mobile della Questura di Roma, che con i blindati hanno ‘circondato’ la struttura. Gli occupanti, preoccupati da un imminente sgombero, per protesta hanno accatastato pneumatici e mobilio a formare delle barricate e alcuni di loro sono saliti sul tetto, dove campeggia lo striscione ‘Roma si barrica’. Intanto, circa 200 persone tra appartenenti ai movimenti per la casa e abitanti degli alloggi popolari della zona si sono radunate in via Pietro Bembo per organizzarsi e cercare di opporsi allo sgombero.

Il fabbricato di via Cardinal Capranica, una ex scuola, è da tempo oggetto di discussione in Prefettura a Roma. Lo stabile risulta essere il primo nella lista stilata dopo la circolare del Viminale che impone di liberare le strutture occupate in tutta Italia. E così, secondo quanto si apprende, l’operazione di sgombero prevista per la giornata di oggi sarebbe iniziata in nottata per anticipare la manifestazione dei movimenti per la casa che sarebbe dovuta iniziare all’alba.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

15 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»