Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

E’ morto l’ematologo Franco Mandelli, aveva 87 anni

E' stato uno dei massimi esperti delle malattie del sangue
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Si è spento a 87 anni l’ematologo Franco Mandelli, uno dei maggiori esperti italiani delle malattie del sangue. “Addio al nostro Presidente Professor Franco Mandelli, una vita dedicata alle malattie del sangue e alla solidarietà. Anima della nostra organizzazione di cui era Presidente Onorario e fondatore del GIMEMA. Ha pubblicato più di 700 studi scientifici. L’AIL tutta si stringe con riconoscenza e grande affetto alla sua famiglia”, si legge nel profilo Facebook dell’Associazione italiana contro le leucemie. Esempio di professionalità e umanità, Mandelli nasce a Bergamo e si forma a Milano, ma è a Roma che si impone come figura di riferimento nella battaglia contro le malattie del sangue, in special modo del  linfoma di Hodgkin e delle leucemie acute. Presidente del gruppo italiano malattie ematologiche dell’adulto (Gimema) e dell’Associazione italiana contro le leucemie (Ail), fu ideatore di numerose campagne atte a sostenere per la ricerca, tra queste “Angeli sotto le stelle”, “Trenta ore per la vita” e la “Partita del Cuore”.

MATTARELLA: LA SUA MORTE MI ADDOLORA PROFONDAMENTE

“La morte del Professor Franco Mandelli mi addolora profondamente. La sua testimonianza di vita figura a buon diritto fra gli italiani che hanno contribuito a rendere migliore la nostra società”. E’ il messaggio di cordoglio del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che continua: “Il suo lungo, costante e prezioso contributo ad assicurare l’esistenza di donne, uomini e bambini del nostro Paese, e non soltanto di esso, si è espresso nel valore della sua ricerca scientifica, continuamente avanzata, nell’insegnamento, nella formazione di tanti medici e ricercatori, nelle numerose iniziative di solidarietà e di promozione della prevenzione delle malattie”.

“Esprimo ai suoi familiari la più grande solidarietà- conclude Mattarella- e, ai suoi allievi e collaboratori, l’esortazione a proseguirne l’opera con la stessa dedizione e lo stesso impegno”.

GIULIA GRILLO: LASCIA UN VUOTO INCOLMABILE

“La scomparsa del professor Franco Mandelli lascia un vuoto incolmabile nel mondo della medicina e della ricerca italiana. La sua vita interamente dedicata con sacrificio e passione alle malattie del sangue e alla solidarietà, è stata e resta la testimonianza di un uomo che ha dato un contributo ineguagliabile alla sanità italiana, e non solo, e ai cittadini”. Così il ministro della Salute Giulia Grillo, che aggiunge: “Tutti noi- aggiunge- gli siamo debitori per quanto ha fatto e per gli insegnamenti che con abnegazione è stato in grado di lasciare. Un uomo, non solo uno scienziato, la cui eredità non va dispersa. Esprimo tutta la mia solidarietà e la mia vicinanza alla famiglia”.

LORENZIN: STRAORDINARIA UMANITÀ, SCIENZIATO TRA I PIÙ GRANDI

“Il mondo scientifico e la società civile dicono, oggi, addio al Prof. Mandelli, uomo di straordinaria umanità, scienziato italiano tra i più grandi al mondo”. Così l’On. Beatrice Lorenzin, ex Ministro della salute, ricorda il prof. Franco Mandelli.

“Grazie al suo lavoro- continua- ha donato speranza e nuova vita a migliaia di persone. Il miglior modo per omaggiarlo e ricordarlo, mantenendo viva a la sua testimonianza- sottolinea l’ex Ministro- è quello di continuare a sostenere la ricerca in maniera attiva, come lui ha fatto per tutta la sua esistenza”, conclude Lorenzin.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»