“Venduti e traditori”, blitz di Forza Nuova ai circoli del Pd

BOLOGNA - "Venduti: a Soros, De Benedetti e
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


BOLOGNA – “Venduti: a Soros, De Benedetti e ad ogni nemico della Patria. #Traditori”. Strilla così Forza Nuova nei nuovi cartelli che, in tutta Italia, ha attaccato alle sedi Pd. Il blitz messo in campo a livello nazionale, spiega il segretario Fn Roberto Fiore in una nota, “esprime senza mezzi termini la ferma condanna dell’operato del principale partito di governo, colpevole di aver compiuto passi avanti determinanti nella consegna dell’Italia a quei poteri forti che travalicano gli interessi del nostro popolo”. Tra le immagini di sezioni Pd colpite diffuse da Forza Nuova, per quanto riguarda il territorio di Bologna si riconoscono quelle di Castiglione dei Pepoli, Ozzano e il Circolo “Enrico Berlinguer” di San Lazzaro.

Aggiungono tra l’altro Fiore e i suoi sul merito del blitz: “Se già l’Italia a guida Renzi era priva di credibilità, ora con il prestanome Gentiloni è stato superato il limite del ridicolo: assistiamo ad un ex presidente del Consiglio che, dopo aver strenuamente sostenuto l’invasione e la legge sullo Ius Soli, tenta una rocambolesca marcia indietro in salsa (quasi) forzanovista, azzardando un ipotetico numero chiuso sui nuovi ingressi di clandestini, quasi a voler correggere il tiro dopo le rivelazioni della Bonino e del ministro Mauro, ma, di fatto, facendo da suggeritore non sincronizzato all’attuale governo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»