All’Idi arriva il master course sui melanomi/VIDEO

ROMA - Le scottature nell'infanzia rappresentano il principale fattore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

bambino_spiaggia
ROMA – Le scottature nell’infanzia rappresentano il principale fattore di rischio per il melanoma da adulti. Un tumore che in Italia ha visto un aumento esponenziale, in 45 anni ha fatto registrare una crescita dei casi pari al 103%: erano infatti circa 1.000 nel 1970, nel 2015 ne sono stati stimati 11.300. La necessità di proteggere i bambini è ancor più importante se si pensa che nei primi vent’anni di vita una persona può assumere fino all’80% del totale delle radiazioni solari della propria esistenza. In Italia sono circa 129.000 le persone che convivono con una pregressa diagnosi di melanoma. Il monito arriva dal Master course ‘Management del paziente con melanoma dalla ricerca alla terapia’, organizzato dall’Imi, Intergruppo melanoma italiano, che si apre a Roma all’Istituto dermopatico dell’Immacolata.

La sopravvivenza dei pazienti affetti da melanoma è aumentata grazie a due strategie: le terapie a bersaglio molecolare e l’immuno-oncologia, che hanno permesso al 20% dei pazienti trattati con ipilimumab, la prima molecola immuno-oncologica approvata, di essere vivo a 10 anni dalla diagnosi. Il Master Imi è realizzato in quattro sedi in Italia ogni anno e contribuisce a una diffusione più capillare delle conoscenze sulla patologia, rendendo più omogenea la gestione del paziente su tutto il territorio nazionale.

tumori della pelle“Oggi inizia presso l’Idi, Istituto dermopatico dell’Immacolata, il master dell’Imi, Intergruppo melanoma italiano, sulla diagnosi, prevenzione e trattamento del melanoma- ha dichiarato, all’agenzia Dire, Paolo Marchetti, direttore Oncologia medica all’ospedale Sant’Andrea di Roma-. Un percorso estremamente articolato che parte dalle innovazioni in termini di prevenzione, che passa attraverso le nuove modalità di trattamento chirurgico, in cui l’elettrochemioterapia gioca un ruolo molto significativo per le sue capacità di interagire anche con il sistema immunitario, fino ad arrivare ai nuovi risultati ottenibili sia con le terapie a bersaglio molecolare che con i farmaci che migliorano la risposta del nostro sistema immunitario. Un percorso formativo articolato in due giorni che tratta in maniera multidisciplinare tutti i diversi aspetti della patologia melanoma, dalla prevenzione alla cura delle forme metastatiche. Rispetto a qualche anno fa ci sono risultati straordinariamente importanti riguardo la mortalità e un aumento dei pazienti che possiamo considerare guariti”.

Inoltre, “tra il Nord e il Sud non ci sono differenze nella cura del melanoma proprio perchè grazie all’Imi, Intergruppo melanoma italiano, sono presenti tutte le regioni italiane, tutte le realtà oncologiche e dermatologiche che si occupano in maniera importante di melanoma- ha concluso Marchetti-. Quindi questo è uno dei pochi tumori di cui possiamo dire che l’integrazione in rete di diversi professionisti ha consentito il superamento di quelle che sono le differenze regionali”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»