In Patagonia scoperto un dinosauro mai ‘visto’. È Gualicho (VIDEO)

ROMA – Gualicho con i suoi 90
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

gualicho dinosauro dueROMA – Gualicho con i suoi 90 milioni di anni rischia di mettere a dura prova il lavoro di paleontologi e archeologi. Gualicho è una nuova specie di dinosauro, esposto a Buenos Aires, venuto alla luce in Patagonia. Un animale preistorico che non ha eguali anche se, le somiglianze con alcuni suoi coetanei, come ad esempio il T-rex, sono forti.

Gualicho, il dinosauro del tardo Cretaceo

Vissuto circa 90 milioni di anni fa Gualicho è un dinosauro di una specie mai ‘osservata’ prima. Il periodo che lo ha visto protagonista sulla Terra è il tardo Cretaceo. Un periodo, questo, che nella scala dei tempi geologici corrisponde al terzo e ultimo periodo dell’era Mesozoica. È compreso tra 145,5 ± 4,0 e 65,5 ± 0,3 milioni di anni fa, preceduto dal Giurassico e seguito dal Paleogene, il primo periodo della successiva era Cenozoica o Terziaria.

Gualicho, un ‘mostro’ alto sei metri

L’esemplare rinvenuto in Patagonia nel 2007 è stato ricostruito ed esposto nel museo di paleontologia di Buenos Aires. Alto circa 6 metri, Gualicho era un esemplare di dinosauro teropode che non pesava meno di 450 chilogrammi. Le sue zampe anteriori erano molto piccole, armate di due soli artigli. Le zampe posteriori, molto più grandi, gli permettevano, con molta probabilità, un’andatura eretta. Se proprio bisogna trovargli una somiglianza, allora, l’esemplare che più gli si avvicina è il T-rex. Le dimensioni sono però molto più ridotte. Proprio come il Tirannosauro anche Gualicho era un esemplare carnivoro.

gualicho dinosauro

Gualicho, l’origine del nome

Il nome, come facile intuire, non è scientifico ma legato a vecchie credenze del posto del ritrovamento. La spedizione di paleontologi è stata, nel corso delle operazioni di scavo, particolarmente sfortunata. Anche se nessuna conseguenza grave è stata registrata. Clamoroso un incidente che ha coinvolto un camion della spedizione andato completamente distrutto. Vista l’aura non proprio positiva che aleggiava sulla spedizione, gli scienziati hanno ripescato il nome di un vecchio demone temuto, perché portatore di sventura, dalle popolazioni locali. Gualicho, appunto. Tutta la storia di questa nuova specie è stata pubblicata sulla prestigiosa rivista scientifica Plos One.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»