Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Nizza, Alfano: “Pronte unità anti-terrorismo in Italia”

ROMA - "Saranno attivare sul nostro territorio delle unità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

A. Alfano

ROMA – “Saranno attivare sul nostro territorio delle unità operative di pronto intervento, nuclei specializzati per la prevenzione degli eventi terroristici“. Così il ministro dell’Interno Angelino Alfano, oggi al Viminale dopo una riunione con l’antiterrorismo in seguito ai fatti di questa notte a Nizza. “Si tratterà di cellule operative con 12-24 carabinieri– dice Tullio Del Sette, comandante dell’Arma dei carabinieri- che saranno dislocati nelle principali città italiane dove si prevede un afflusso maggiore di persone. Si tratta di personale addestrato dalle forze speciali per settimane, avranno mezzi semibilindati o blindati, e l’equipaggiamento per intervenire in pochi minuti ovunque”.

“E’ stata una felice intuizione- conferma Franco Gabrielli, capo della Polizia- che pone queste unità in una posizione intermedia tra l’ordinario controllo quotidiano e l’intervento dei reparti speciali” . Nel frattempo proseguono le simulazioni, l’ultima due notti fa chiamata Termini 2016. “E’ un lavoro che continueremo a svolgere coi reparti specializzati- conclude il ministro- sperando rimanga sempre e solo una simulazione. Esercitazioni simili furono fatte anche a Milano in occasione dell’Expo” .

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»