Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Terrorismo, Pinotti: “Nessun paese è a rischio zero”

ROMA - "Nessun paese può ritenersi a rischio zero.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

pinotti

ROMA – “Nessun paese può ritenersi a rischio zero. Questo è un modo di colpire è subdolo”. Lo ricorda il ministro della Difesa Roberta Pinotti, intervenendo a Uno mattina, a proposito del rischio attentati anche in Italia. “L’appello terminale fatto dai responsabili del califfato a colpire quelli che chiamano gli infedeli in tutti i modi, anche lanciando un’auto contro la folla, purtroppo lo abbiamo letto. Ci si difende con un controllo attento di tutti coloro che possono essere persone sospettate“, aggiunge Pinotti.

Il terrorismo, ricorda il ministro, “è subdolo. Una difesa sempre preventiva può essere difficile. Il lavoro che facciamo è serissimo, il fatto che oggi ci siano più di 7.000 militari che sorvegliano luoghi sensibili, fa parte di una strategia di controllo. Il lavoro è serio, la preoccupazione è anche alta. Non abbiamo altre strade che continuare a fare quello che stiamo facendo: fermarli laddove hanno formato uno stato, in Iraq e in Siria, e fortunatamente ci sono successi militari, ma in questo momento sappiamo che la prevenzione deve essere ancora più forte, perchè il rischio è che laddove perdono terreno nel campo militare possono riversarsi maggiormente con attacchi terribili come quelli che sono accaduti questa notte”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»