Conti pubblici, Bankitalia, debito record 2.241 miliardi a maggio

ROMA - Nuovo record del debito pubblico italiano: "In maggio-
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

bankitaliaROMA – Nuovo record del debito pubblico italiano: “In maggio- si legge in un bollettino della Banca d’Italia- il debito delle amministrazioni pubbliche si è attestato a 2.241,8 miliardi, in aumento di 10,9 miliardi rispetto al mese precedente. L’incremento- spiega Bankitalia- è dovuto all’aumento delle disponibilità liquide del tesoro (8,0 miliardi, a 72,7 miliardi alla fine di maggio 2016), al fabbisogno del mese (2,1 miliardi) e all’effetto complessivo degli scarti e dei premi di emissione, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e del deprezzamento dell’euro (0,8 miliardi).

Con riferimento ai sottosettori, il debito delle amministrazioni centrali è aumentato di 10,5 miliardi e quello delle amministrazioni locali di 0,4 miliardi; il debito degli enti di previdenza è rimasto sostanzialmente invariato”. Inoltre, “a maggio le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 33,8 miliardi (31,0 miliardi nello stesso mese del 2015).

Nei primi cinque mesi del 2016 le entrate tributarie sono state complessivamente pari a 152,3 miliardi, in aumento del 4,2 per cento rispetto a quelle relative allo stesso periodo dell’anno precedente ; al netto di alcune disomogeneità contabili e temporali (riguardanti principalmente l’Irpef, l’Iva, l’imposta di bollo virtuale il canone Rai), si può stimare che la crescita sia stata significativamente inferiore”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»