Comune Roma. Peciola: “Il Pd mina alleanza con Sel e Renzi specula su Marino”

ROMA - "Sono tanti i poteri forti contro questa giunta. In questi anni a Roma sono successe cose
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sono tanti i poteri forti contro questa giunta. In questi anni a Roma sono successe cose incredibili: monopolio dei rifiuti, sindaci e assessori che facevano riunioni in sedi private di costruttori romani, i Fori Imperiali erano aperti al traffico. Da due anni a questa parte tutto questo non c’è più. I costruttori prima di noi avevano una libertà di azione che ora non hanno. Tutto questo dà fastidio a qualcuno. Abbiamo chiuso Malagrotta e c’era un regime di monopolio dei rifiuti. Anche questo dà fastidio”. Lo ha detto il consigliere del Comune di Roma, Gianluca Peciola (Sel), ai microfoni della trasmissione ‘Ho scelto Cusano’, su Radio Cusano Campus, emittente dell’università Niccolò Cusano.

peciola
G. Peciola

“Questo cambio di rotta avviene anche in virtù di un’alleanza che è di centrosinistra (Pd e Sel)- ha aggiunto- Sono due anni che questa alleanza viene minata dal Pd. Noi parliamo di temi e qualcun’altro parla di poltrone. Orfini tiene a questa alleanza, evidentemente vuole riportare questa esperienza in una dimensione nazionale. Mi sembra che invece Renzi utilizzi Marino per motivi elettorali, ci specula sopra. Dopo le sconfitte alle amministrative, sui giornali c’era Marino e non Renzi, perchè lui è bravo nella comunicazione e in quei giorni ha dato in pasto Marino alla stampa. Se il Pd ci vuole aiutare, anzichè fare ingerenze politiche solo per questioni di poltrone ci desse una mano a trovare i soldi per il Giubileo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»