NEWS:

‘Bella ciao’ alle cerimonie ufficiali, come l’inno: la proposta di legge è targata Pd

Il Pd presenta una proposta di legge perchè Bella ciao, "il canto della libertà", venga eseguita dopo l'inno nazionale in occasione delle cerimonie ufficiali per i festeggiamenti del 25 aprile

Pubblicato:15-06-2024 11:48
Ultimo aggiornamento:15-06-2024 15:42
Autore:

FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

(La foto di copertina è un disegno dell’illustratrice Alice Camerlengo, 2022)

ROMA – “Bella Ciao è il canto della libertà e della riconoscenza verso chi si è battuto, anche sacrificando la propria vita, per riconsegnare la libertà e la democrazia al popolo italiano costretto alla tirannia nazifascista. Le forze democratiche presenti in Parlamento si impegnino a fare approvare il disegno di legge che ho presentato insieme ai colleghi Berruto e Furfaro per riconoscere la canzone Bella Ciao quale espressione popolare dei valori fondanti della nascita della Repubblica italiana. Bella Ciao venga eseguita dopo l’inno nazionale in occasione delle cerimonie ufficiali per i festeggiamenti del 25 aprile, anniversario della Liberazione. Sulla storia condivisa si costruisce il futuro del Paese e non certo con rigurgiti squadristi che sono una grave offesa per milioni di cittadini”. Lo dice il deputato del Pd Stefano Vaccari, segretario di presidenza della Camera.

LEGGI ANCHE: Il significato di ‘Bella ciao’: ecco perché è l’inno della Resistenza italiana e della Liberazione
LEGGI ANCHE: “A ‘Bella Ciao’ valore istituzionale”, arriva la proposta di legge del Pd

LEGGI ANCHE: VIDEO | Sanremo 2024, Amadeus e Marco Mengoni cantano ‘Bella ciao’ in conferenza stampa


bella-ciao-alice-camerlengo

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy