Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’impegno dei nativi peruviani nel salvaguardare la foresta amazzonica: premiata Liz Chicaje

Liz Chicaje Churay,_croce_rossa_congo
Goldman Prize per l'attivista, si è battuta per l'istituzione del Parco nazionale di Yaguas
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – C’è anche un’attivista nativa dellAmazzonia peruviana, Liz Chicaje Churay, e il suo sforzo per proteggere un tesoro di biodiversità, tra i vincitori di quest’anno del Goldman Environmental Prize, ritenuto uno dei più prestigiosi riconoscimenti al mondo per l’impegno a tutela dell’ambiente. A motivare la consegna del premio all’attivista, che ha 38 anni ed è una esponente della comunità dei bora, è stata la mobilitazione portata avanti per far sì che un territorio esteso su oltre 850mila ettari nel cuore dell’Amazzonia del Perù venisse tutelato dalle attività di minatori e contrabbandieri di legname.

L’obiettivo di quell’impegno è stato raggiunto nel 2018, quando il governo di Lima ha istituito il Parco nazionale di Yaguas, nella regione nord-orientale di Loreto. L’area protetta, si legge sul sito del Golden Prize, è considerata un esempio di “megadiversità” biologica, essendo la casa di oltre 3mila specie di piante, 500 specie di uccelli, 550 di pesci e di svariati mammiferi. Chicaje si è distinta anche per la capacità di fare rete, osservano i promotori del premio, avendo messo insieme gli sforzi di funzionari governativi, attivisti ambientali locali e internazionali e scienziati. Premiato anche il fatto di aver permesso un consenso sulla creazione del parco in 23 delle 29 comunità native che vivono ai margini dell’area, tra le quali ci sono anche i bora.

Nel 2017 la vincitrice del Prize, che ha iniziato a difendere la foresta quando aveva solo 16 anni, prese parte anche alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici Cop23, che si tenne in Germania, come parte della delegazione peruviana. Chicaje ha detto all’emittente britannica Bbc che l’attuale Yaguas è “un luogo sacro” per i nativi, che quindi non potevano sopportare di “vederlo distrutto”. Questa parte di foresta è stata anche teatro, negli anni a cavallo tra il 19esimo e il 20esimo secolo, della morte o dello sfollamento di decine di migliaia di nativi, fino a 100mila secondo alcune stime. Gli abitanti della zona tentarono infatti a sottrarsi alla schiavitù che gli venne imposta dai produttori della gomma. Un’economia questa, all’epoca in grande espansione. Chicaje era stata nominata al premio, che viene consegnato a sei attivisti di altrettante diverse regioni del mondo, insieme al leader della comunità huitoto Benjamin Rodriguez, deceduto a causa di complicazioni legate al Covid-19 l’anno scorso.

(Foto da Comitato internazionale Croce Rossa per il Congo)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»