Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La Procura conferma l’emorragia cerebrale: venerdì i funerali di Michele Merlo

michele merlo foto da twitter
L'autopsia ha confermato le cause della morte del cantante 28enne: a nulla era valso l'intervento d'urgenza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si svolgeranno venerdì 18 giugno, dopo il nulla osta della Procura di Bologna, i funerali di Michele Merlo, morto lo scorso 6 giugno per una leucemia fulminante. L’ultimo saluto al cantante di Amici 16 verrà dato nel paese d’origine dell’artista, Rosà, in provincia di Vicenza. Nello specifico a Villa Marchiorello, Località Ca’ Minotto. La camera ardente, invece, sarà allestita domani al Pantheon della Certosa di Bologna, dalle 9 alle 16.

Nei giorni scorsi, l’autopsia disposta dalla Procura ha confermato le cause che hanno portato alla scomparsa del giovane 28enne: Michele è morto per un’emorragia cerebrale. Il referto, perciò, avvalora quanto affermato dall’Ospedale Maggiore di Bologna, dove il cantante era stato ricoverato lo scorso 3 giugno. A nulla era valso l’intervento d’urgenza.

Presto la famiglia Merlo comunicherà eventuali iniziative benefiche in memoria del ragazzo a favore di ‘Ail, Associazione italiana contro le leucemie’.

LEGGI ANCHE: Morte Michele Merlo, i genitori presentano denuncia: “Verificare eventuali errori”. La Procura apre un fascicolo

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»