Fratoianni attacca: “In Umbria la Lega vieta l’aborto farmacologico”

Attacco alla presidente Tesei: "E' contro le donne, contro la scienza e contro il buonsenso"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “La Giunta regionale dell’Umbria guidata dalla leghista Tesei ha cancellato la possibilita’ di scegliere l’aborto farmacologico in Day Hospital o a domicilio. In Umbria insomma si torna indietro costringendo le donne a 3 giorni di ricovero ospedaliero”. Cosi’ il portavoce nazionale di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni.

“E’ una scelta che comporta tre cose – prosegue l’esponente di Leu – la riduzione della liberta’ di scelta, un attacco violento alla privacy e in piena pandemia anche l’esposizione delle donne ad un rischio piu’ alto di contagio. Tre conseguenze, folli, ideologiche e oscurantiste. Anche la Societa’ Italiana di ginecologia e ostetricia ha chiesto il contrario”.

Una presidente contro le donne, contro la scienza e contro il buonsenso – conclude Fratoianni – e’ una presidente pericolosa per tutti, uomini e donne”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»