CRITICITA’: SERVONO NUOVI STRUMENTI

La maggioranza dei partecipanti alla Survey Dose Standard: una nuova opportunità?, promossa nei mesi scorsi tra gli operatori,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

La maggioranza dei partecipanti alla Survey Dose Standard: una nuova opportunità?, promossa nei mesi scorsi tra gli operatori, ha offerto una indicazione molto interessante: la maggior parte dei problemi sottoposti sono da affrontare con “nuovi strumenti”: questo vale per la “gestione dei tempi di attesa del paziente tra la valutazione e l’inizio del trattamento” (46,16%), per il “rischio di errori in composizione del farmaco” (un problema da affrontare con nuovi strumenti: 46,14%), per lo spreco di prodotto (con nuovi strumenti: 76,93%), per la pianificazione dei carichi di lavoro (un problema da affrontare con nuovi strumenti: 76,92%). Il trattamento degli scarti di produzione galenica è invece, per la maggioranza degli interpellati, un problema da affrontare urgentemente con l’organizzazione e gli strumenti già esistenti (31,60%), a dimostrazione della necessità di messa a punto dell’esistente senza ricorrere a nuove operatività. Guardando al futuro delle preparazioni chemioterapiche, quindi, un mix di novità e buona gestione attraverso gli strumenti attuali è quella auspicata dai partecipanti, ma la richiesta di “nuovi approcci” sembra essere decisamente condivisa e pressante.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»