Montanelli, Majorino (Pd): “Sconcertato dalla minimizzazione delle sue colpe”

L'europarlamentare dem: "Tragedia disgustosa da qualsiasi angolo la si voglia guardare"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – “Sono sconcertato per la continua minimizzazione delle colpe di cui si e’ fatto portatore, in quello specifico momento della vita, Indro Montanelli. Colpevole vent’anni fa, per l’ultima volta, di aver risposto con sarcasmo e battutine schifose, come ampiamente da lui stesso documentato, a quanto gli veniva ricordato”. Nella diatriba legata alla figura del giornalista entra anche l’europarlamentare dem Pierfrancesco Majorino, milanese ed ex assessore a Palazzo Marino.

LEGGI ANCHE: Montanelli, presidio a Milano: “Stupro e pedofilia non sono un ‘errore’”

Non mi piace la rimozione delle statue e tantomeno l’atto di vandalizzarle– dice- perche’ credo che oggi ci serva il contrario: ricordo e discernimento, e si divorano gia’ troppe cose, storie, parole”.

Majorino non dimentica quanto Montanelli, “in quanto giornalista libero, ha subito da vittima delle Br”. Tuttavia, “mi rifiuto di far parte di un club che sposa la (popolarissima) causa del mantenimento di un monumento con la volgare minimizzazione dell’accaduto“, afferma l’europarlamentare, perche’ “e’ una tragedia disgustosa da qualsiasi angolo la si voglia osservare”. Una tragedia “collettiva, non individuale”.

Majorino si dice sconcertato anche dall’uso “della categoria falsamente storicista della contestualizzazione“, perche’ “altrimenti dovremmo pure comprendere compassionevolmente il razzismo nei confronti degli afroamericani”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»