Coronavirus, a Pechino chiusi 10 quartieri: occhi puntati sui mercati

36 nuovi casi di Covid-19 nelle ultime 24 ore
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – A Pechino, dieci zone residenziali sono state dichiarate zona rossa dopo che le autorità hanno individuato 36 nuovi casi di Covid-19 nelle ultime 24 ore. Il contagio si starebbe diffondendo dai mercati, in particolare da quello del pesce nel distretto di Fengtai, nel sud della capitale. In Cina i protocolli e i controlli sanitari sono stati rafforzati in tutti i mercati all’ingrosso della città, ma per precauzione a Pechino, oltre a quello di Fengtai, altri sei mercati sono stati chiusi. Come evidenziano fonti di stampa internazionali concordanti, il timore è che si possa diffondere un nuovo focolaio dell’epidemia a partire dalla vendita di animali vivi e pesce, come accaduto a Wuhan sette mesi fa. Un timore nutrito anche dalle istituzioni, come testimonierebbe il video diffuso su Twitter da un giornalista, Zhulin Zhang, che mostra funzionari sanitari in tuta bianca e casco anti-contagio intenti ad eseguire dei test clinici su dei crostacei nel mercato di Changsa, nella provincia sud-orientale di Hunan. Secondo gli epidemiologi tuttavia, è improbabile che si verifichi un’epidemia della portata di quella iniziata a Wuhan a fine dicembre. L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) intanto informa che ad oggi nel mondo sono stati superati i sette milioni e mezzo di contagi, mentre le persone decedute con coronavirus sono oltre 430.000.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»