BePop! senza perdere l’amore: dal 18 giugno al 4 luglio gli incontri ai tavolini del caffè Nemorense

Tra gli ospiti Carlotta Sami, Ascanio Celestini, Marisa Laurito, Luigi Manconi, Diego Bianchi, Porpora Marcasciano, Alessandro Pieravanti, Giancane e tantissimi altri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dopo il successo della prima edizione, torna a Roma dal 18 giugno al 4 luglio la rassegna BE POP! Senza perdere l’amore: gli incontri all’ora dell’aperitivo al Caffè Nemorense, immersi nel verde del Parco Virgiliano.

Nove gli appuntamenti in programma, tutti a ingresso libero, per parlare di diritti umani e civili, migrazioni, violenza sulle donne, caporalato, città, ma anche di comunicazione e racconto del presente. Temi di grande attualità e rilevanza sociale che saranno affrontati in una chiave leggera, ma senza banalizzarli, attraverso la letteratura, la fotografia, il giornalismo, il cibo, la musica, il cinema e il teatro; facendo leva sulle passioni che essi suscitano (e quindi “senza perdere l’amore”) per superare pregiudizi e luoghi comuni. 

“Leggerezza” è infatti la parola chiave di un format coinvolgente, ideato – e già sperimentato con successo lo scorso anno – per aprire un confronto diretto e informale tra esperti, artisti, intellettuali, protagonisti di esperienze significative, e il pubblico che si ritroverà ai tavolini del Caffè Nemorense. Una interazione tra realtà e linguaggi differenti pensata per attrarre ogni volta un pubblico diverso.

La rassegna è promossa dall’associazione BE POP!, che si è costituita dopo l’esperienza positiva dell’edizione 2018, e quest’anno si avvarrà del patrocinio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) e del Municipio Roma II, della collaborazione ufficiale della rivista Internazionale, di Rai Radio 3 e dell’Agenzia di stampa DiRE (che saranno media partner), e di altre associazioni, tra cui A Buon Diritto e Terra!. L’iniziativa è parte del programma dell’Estate Romana promossa da Roma Capitale Assessorato alla Crescita culturale e realizzata in collaborazione con SIAE. Ciò testimonia il percorso di crescita di una manifestazione che, alla seconda edizione, già si afferma nell’offerta culturale capitolina.

Martedì 18 giugno, alle ore 18.30, si terrà l’inaugurazione della rassegna e la presentazione del programma, con Valentina Brinis, presidente dell’associazione BE POP!, Francesca Del Bello, presidente Municipio Roma II, Giovanni De Mauro, direttore di Internazionale, Marino Sinibaldi, direttore di Rai Radio 3, e Carlotta Sami, portavoce dell’UNHCR. 

Alle ore 19.30 il primo degli incontri dal titolo +Gusto #WithRefugees: un evento dedicato a cibo, integrazione e innovazione, al quale parteciperanno, tra gli altri, di Konate Bouyagui, giovane chef maliano ospite della trasmissione “Masterchef”; Hamed Ahmadi, rifugiato afghano oggi affermato imprenditore della ristorazione; l’attrice Marisa Laurito, Nerina Di Nunzio, esperta di marketing digitale e comunicazione; Rosamaria Zanatta, la cuoca Rosa del programma Rai “Kilimangiaro”, e Livia Montagnoli, giornalista di Gambero Rosso. Durante l’incontro sarà possibile gustare le specialità di diversi paesi del mondo agli stand gastronomici selezionati da UNHCR. 

La ricorrenza della Giornata mondiale del rifugiato farà da cornice al programma della prima settimana, la Refugee Week. Mercoledì 19 giugno il rapper romano Amir Issaa sarà tra i protagonisti con Luigi Manconi, Pietro Del Soldà (Rai Radio 3) e Tareke Brhane (Comitato 3 ottobre) di un confronto su come raccontare, soprattutto a ragazze e ragazzi, le storie dei rifugiati e i diritti più in generale. 

Il 20 giugno i giornalisti Annalisa Camilli di Internazionale, Francesca Mannocchi de L’Espresso e Diego Bianchi di Propaganda Live parleranno con il pubblico di cosa accade lungo la rotta del Mediterraneo, in Libia e in Italia, e l’attore Valerio Mastandrea leggerà alcuni brani tratti dal libro “La frontiera” di Alessandro Leogrande, a cui la serata è dedicata.  

Al centro del programma di BE POP! anche la città di Roma, con le buone pratiche per l’integrazione portate avanti sul territorio dalle realtà del volontariato (se ne parlerà il 25 giugno nell’incontro dal titolo “Orgoglio buonista”), i conflitti e le trasformazioni nei quartieri della nostra Capitale e le idee per la ricostruzione: un tema di cui si discuterà il 26 giugno insieme allo scrittore Christian Raimo, al “cantastorie” Ascanio Celestini e al giornalista Giuliano Santoro (il Manifesto), con il contributo tra musica e poesia di Alessandro Pieravanti (Muro del canto) con Giancane. 

Il 27 giugno si affronterà la questione della lotta per i diritti LGBTI a 50 anni dai moti di Stonewall in un incontro, a cura di Internazionale, con la presidente del Movimento Identità Transessuale Porpora Marcasciano. “Ti Odio!” è il titolo dell’incontro in programma il 2 luglio sul tema dell’hate speech e i meccanismi di diffusione nella rete con il linguista Federico Faloppa, la scrittrice Igiaba Scego, Vincenzo Visco Comandini, economista specializzato in regolamentazione della rete, e la giornalista Eva Giovannini. Il 3 luglio si parlerà di violenza sulle donne e dell’attacco alla loro libertà con la partecipazione, tra gli altri, di Emma Bonino e delle attrici della “Tv delle ragazze” che leggeranno brani del libro “Ferite a morte” di Serena Dandini e Maura Misiti.

L’ultimo degli incontri in programma, il 4 luglio, sarà dedicato a lavoro, integrazione, contrasto al caporalato, con la partecipazione dei giornalisti Jacopo Storni e Giorgio Zanchini (Radio 1), Suleman Diara (cooperativa di rifugiati Barikamà), Fabio Ciconte, (ass. Terra!), Chiara Faenza (Coop Italia), a seguire il concerto dell’Orchestra dei braccianti. La serata si concluderà con il Karaoke condotto da Lilith Primavera.

Il 20 e il 27 giugno, al termine degli incontri, sarà possibile assistere a un evento inedito e molto suggestivo: la proiezione nel parco, per la prima volta, di foto commentate dai photo editor della rivista Internazionale.

A dimostrazione dello stretto legame con il territorio, durante la rassegna all’interno del parco Virgiliano sarà riservato uno spazio a realtà locali – come associazioni, produttori biologici e librerie indipendenti –  per far conoscere le loro attività. 

Inoltre, per tutta la durata della manifestazione, BE POP! offrirà una animazione gratuita per i bambini fino ai 12 anni, così da favorire la partecipazione delle famiglie.

Il Caffè Nemorense rimarrà aperto per l’intera rassegna con una ricca offerta di bar, cocktail bar, gastronomia, gelati e aperitivi. 

IL CAFFÈ NEMORENSE

A ospitare la rassegna BE POP! sarà il Caffè Nemorense: nato dall’incontro della cooperativa di rifugiati Barikamà e una società di ristorazione romana, Grandma, è un esempio in chiave “pop” di come sia possibile vivere l’immigrazione arricchendo il territorio da un punto di vista culturale e sociale. Il Parco Virgiliano, angolo verde del quartiere, è riemerso nel 2017, dopo anni di abbandono, grazie alle due realtà che si sono aggiudicate il bando comunale per l’assegnazione del parco e del chiosco interno. 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

15 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»