Amanda Knox attacca giudici e giornalisti: “Giuria corrotta dai media”

Amanda Knox, ospite del festival della Giustizia Penale, attacca giornalisti e giudici ripercorrendo le tappe del suo calvario giudiziario
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Quando ero in isolamento i media si sono impegnati in speculazioni sfrenate. Sul palcoscenico mondiale io non ero un’imputata innocente fino a prova contraria, ero una furba, psicopatica e sporca puttana, colpevole fino a prova contraria”. Amanda Knox, venuta in Italia dall’America, ospite del festival della Giustizia Penale, dal palco attacca senza mezzi termini giornalisti e giudici ripercorrendo le tappe del suo calvario giudiziario dopo l’assassinio a Perugia della sua coinquilina Meredith Kercher.

Una “storia falsa che ha scatenato le paure e le fantasie della gente- aggiunge- Ero diventata una persona pubblica che non potevo più godere della privacy, sepolta da fantasie da tabloid. Anche i miei genitori, perseguitati dai paparazzi”.

Infine, l’attacco dai giornalisti arriva ai giudici: “Questa immagine sensazionale e diffamatoria fornita dai media, è entrata in aula. L’inchiesta è stata contaminata, la giuria corrotta, non era possibile avere un processo giusto”.

Ancora: “Io ero innocente ma il resto del mondo ha deciso che ero colpevole, avevano riscritto la realtà”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

15 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»