Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Amanda Knox attacca giudici e giornalisti: “Giuria corrotta dai media”

Amanda Knox, ospite del festival della Giustizia Penale, attacca giornalisti e giudici ripercorrendo le tappe del suo calvario giudiziario
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Quando ero in isolamento i media si sono impegnati in speculazioni sfrenate. Sul palcoscenico mondiale io non ero un’imputata innocente fino a prova contraria, ero una furba, psicopatica e sporca puttana, colpevole fino a prova contraria”. Amanda Knox, venuta in Italia dall’America, ospite del festival della Giustizia Penale, dal palco attacca senza mezzi termini giornalisti e giudici ripercorrendo le tappe del suo calvario giudiziario dopo l’assassinio a Perugia della sua coinquilina Meredith Kercher.

Una “storia falsa che ha scatenato le paure e le fantasie della gente- aggiunge- Ero diventata una persona pubblica che non potevo più godere della privacy, sepolta da fantasie da tabloid. Anche i miei genitori, perseguitati dai paparazzi”.

Infine, l’attacco dai giornalisti arriva ai giudici: “Questa immagine sensazionale e diffamatoria fornita dai media, è entrata in aula. L’inchiesta è stata contaminata, la giuria corrotta, non era possibile avere un processo giusto”.

Ancora: “Io ero innocente ma il resto del mondo ha deciso che ero colpevole, avevano riscritto la realtà”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»