Salvini: “Allo stadio con Parnasi, non e’ un reato”

Il ministro dell'Interno sulle intercettazioni telefoniche che emergono sul caso dello stadio della Roma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA -“No, assolutamente no”, risponde Matteo Salvini ai cronisti che, dopo la visita ad un agente ferito all’ospedale di Genova, gli chiedono se sia preoccupato delle intercettazioni telefoniche che emergono sul caso dello stadio della Roma.  Il ministro dell’Interno aggiunge: “Da tifoso del Milan non parlo di calcio, mi piacerebbe avere uno stadio del Milan come mi piacerebbe che si sia uno stadio della Roma”.  Per Salvini “è giusto che chi ha sbagliato debba pagare, mi spiace perché una delle persone coinvolte la conoscevo personalmente, ci sono andato allo stadio insieme, ma credo che questo non configuri un reato e spero che possa dimostrare la sua innocenza”. Salvini fa riferimento senza citarlo all’imprenditore Luca Parnasi, proprietario della società Eurnova.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»