Musei Basilicata promuove il flash mob digitale dei luoghi della cultura

L'iniziativa 'Il Museo raccontato da me' propone di portare in rete ricordi ed emozioni legati alla rete museale e dei luoghi della cultura lucani
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

POTENZA – Sabato 16 e domenica 17 maggio, in attesa della riapertura, la direzione regionale Musei Basilicata promuove il flash mob digitale Il Museo raccontato da me, per portare in rete ricordi ed emozioni legati alla rete museale e dei luoghi della cultura lucani. Nel corso del weekend, gli amici dei musei sono invitati a postare sulla pagina Facebook della direzione regionale Musei Basilicata foto o video, possibilmente senza persone, realizzati in occasione di una visita museale o della partecipazione a una mostra o a un evento culturale in uno dei musei della rete: Palazzo Lanfranchi e Museo Ridola a Matera, Museo di Metaponto, Museo della Siritide a Policoro, Palazzo Ducale di Tricarico, Museo Dinu Adamesteanu a Potenza, Museo di Melfi, Museo e Parco Archeologico di Venosa, Museo dell’Alta Valle dell’Agri a Grumento, Museo di Muro Lucano, Palazzo De Lieto – Pinacoteca Angelo Brando a Maratea, Castel Lagopesole.

“Diamo forma alla storia dei nostri musei” e’ l’invito rivolto dall’illustratore Gianfranco Giardina – tra i fondatori del Redhouse Lab, la prima scuola lucana di fumetto e illustrazione – che nel disegno realizzato per la campagna social lucana ha pensato alla Grande Goccia di Kengiro Azuma. Una sorta di “coordinata sociale”, un punto di ritrovo e un elemento caratteristico legato ai contesti museali, che vuole suggerire di recuperare la dimensione collettiva di questi luoghi, attraverso le storie intime ad essi legate.
I post realizzati su Facebook potranno essere condivisi anche su Instagram e Twitter, taggando gli account ufficiali della direzione regionale Musei Basilicata (@MUSEIBasilicata).

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»