#Atuttomondo: le principali notizie dall’estero

A cura dell’Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT, frutto del lavoro congiunto di studentesse e studenti della Facoltà di Interpretariato e Traduzione e del blog di Ateneo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – #ATUTTOMONDO. Questo il titolo della rassegna stampa internazionale dell’Università degli Studi Internazionali di Roma – UNINT, frutto del lavoro congiunto di studentesse e studenti della Facoltà di Interpretariato e Traduzione e del blog di Ateneo. In collaborazione con l’agenzia Dire, ogni martedì e venerdì verrà diffuso sulla rete nazionale delle agenzie, sul sito e social della Dire.

In Spagna i casi riportati continuano ad aumentare, ma con moderazione, difatti, allo stato attuale, le vittime sono 27.321, mentre il numero complessivo dei casi diagnosticati ha raggiunto quota 229.540. L’andamento giornaliero infonde speranza soprattutto nelle comunità autonome che si trovano ancora nella fase 0. Presto gli esperti forniranno una propria valutazione in modo tale da permettere che alcuni territori passino alla fase 1.

Intanto, i primi dati emersi dallo studio della sieroprevalenza in Spagna mostrano che solo il 5% della popolazione è stato contagiato.

In un’intervista a Telecinco, Pablo Casado, presidente del Partito Popolare spagnolo (PP), si è espresso duramente contro il governo in carica: “Dobbiamo uscire da ogni eccezionalità che il Governo utilizza per attribuirsi pieni poteri”, insiste: “Chiediamo misure preventive per isolare gli infetti e mascherine obbligatorie per tutti. Non teniamo un intero Paese confinato per portarlo alla rovina”. Il PP si era anche espresso a sfavore di una possibilità di proroga delle misure in atto, ma, di fatto, il partito è diventato una forza irrilevante nella votazione sull’estensione dello stato di allarme. Inoltre, Casado cercava di proporre la presentazione di un piano alternativo a quello del Governo per gestire l’epidemia, presentando “Activemos España”: 25 proposte in materia sanitaria, economica e giuridica. Il Covid-19 cambierà (forse) in modo permanente le abitudini di vita dei cittadini.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA RASSEGNA COMPLETA

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»