Domenica alle 15 la ‘Race for the cure’ diventa maratona live su facebook

La diretta sui canali Komen dagli studi dell'Agenzia Dire, media partner dell'evento
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “La pandemia ha fermato le Race, ma la lotta ai tumori non si ferma”. E’ questo il messaggio che lancia la Komen Italia annunciando la diretta Fb di domenica 17 maggio, giorno in cui si sarebbe dovuta svolgere la 21esima edizione della Race di Roma e che si trasformerà in una grande maratona live sui suoi canali social – che sarà trasmessa dagli studi dell’agenzia di stampa Dire – per impedire che a correre siano solo i tumori del seno. Lo annuncia la Komen Italia, in una nota stampa.

“L’atteso appuntamento con la Race for the Cure, la più importante manifestazione per la prevenzione e la lotta ai tumori del seno in Italia e nel mondo, rinviato a causa della pandemia, si trasforma in una grande staffetta live su @komenitalia e www.komen.it che inizia con l’anteprima delle ore 9.00, ‘Aspettando la Race’, appuntamento in cui si alternano testimonianze, letture, poesie degli amici dell’associazione, consigli sulla sana alimentazione, lezioni di fitness e yoga.
Dalle 15.00 in poi- prosegue il comunicato- la ‘Race Live’ sarà condotta dalla giornalista Olivia Tassara dagli studi dell’agenzia Dire, insieme alle madrine Maria Grazia Cucinotta e Rosanna Banfi. Una vera maratona di solidarietà nella quale si alterneranno con il Presidente onorario della Komen Italia Aurelio de Laurentiis, accompagnato da alcuni giocatori della SSC Napoli e l’Ambasciatore della Race di Roma Carlo Verdone, rappresentanti delle Istituzioni da sempre vicini alla Komen Italia (tra cui il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, la sindaca di Roma Virginia Raggi, il Presidente dell’ANCI Antonio De Caro) e tanti amici che nel corso di 20 anni hanno aiutato in modi diversi a far crescere la Race: Alba Parietti, Albano, lo chef Alessandro Circiello, Alessio Orsingher, Andrea Lucchetta, Angela Finocchiaro, Antonia Liskova, Ascanio Pacelli & Katia Pedrotti, Carlo Calenda, Casa Surace con Daniele Pugliese, Beppe Polito e nonna Rosetta, Catena Fiorello, Claudia Gerini, Claudia Zanella, Cristina Bowerman, Daniela Scarlatti, Emanuela Grimalda, Francesco Gabbani, Gabriele Muccino, Giulia Innocenzi, Giuliano Sangiorgi, il Presidente del CONI Giovanni Malagò, Barbara Saba, Giuseppe Battiston, Giuseppe Cederna , Alberto Stanzione, Jill Cooper, Lino Banfi, Marco Travaglio, Matilde D’Errico, Maurizio Mannoni, Pierluigi Diaco, Pif, Ricky Tognazzi e Simona Izzo, Rita Forte, Roberto Ciufoli, Rocco Papaleo, Rosanna Lambertucci, Sabrina Paravicini e Sonia Bergamasco. Prevista anche la presenza di alcuni giocatori della SSC Bari”.

“I tumori del seno continuano la loro insidiosa corsa anche durante la pandemia. Nei prossimi 12 mesi, oltre 2 milioni di donne nel mondo riceveranno questa diagnosi e più di 600.000 perderanno la loro vita per questa malattia– dichiara Riccardo Masetti, Direttore del Centro di Senologia della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS e Presidente della Komen Italia- e non possiamo quindi distrarci o rassegnarci al ‘distanziamento’ che il virus ha imposto anche nelle cure oncologiche e nelle normali strategie di prevenzione. Per questo chiamiamo tutti a raccolta nella grande maratona live di sensibilizzazione e raccolta fondi che la Komen Italia organizza domenica 17 maggio sui suoi canali social”.

Continua Komen Italia nella nota stampa: “Le numerose adesioni che continuano ad arrivare anche attraverso i social network con i post di numerose influencer e amici famosi come Carolina Crescentini, Caterina Balivo, Emma Marrone, Laura Pausini, Marco D’Amore, Michela Andreozzi, Rosario Fiorello, Sabrina Impacciatore e Salvatore Esposito, Selvaggia Lucarelli, Tiziana Ferrario, Tiziano Ferro, Valeria Solarino- sottolinea Komen Italia- attestano la necessità di tenere alta l’attenzione sui tumori del seno, di rimanere accanto alle donne che stanno affrontando la malattia durante l’emergenza del Covid-19 e di raccogliere fondi necessari a rafforzare l’azione di prevenzione e contrasto. Nel corso della diretta un importante spazio sarà dedicato al confronto tra i medici e le donne in rosa, donne che convivono con la malattia o l’hanno sconfitta”.

Prosegue il comunicato: “In 20 anni, le Race for the Cure hanno dato un grande contributo alla lotta ai tumori del seno. Grazie alle 56 Race organizzate in 7 città italiane e alla generosità di oltre 1 milione di iscritti e delle aziende che hanno partecipato, la Komen Italia ha potuto investire oltre 18 milioni di euro a sostegno della ricerca, della prevenzione e del miglioramento delle cure oncologiche. La pandemia, oltre alla Race di Roma, costringerà quest’anno a rinviare anche gli appuntamenti di Bari, Bologna, Brescia, Pescara, Matera e Napoli mettendo a rischio il completamento dei tanti progetti dell’Associazione a tutela della salute femminile. La Race Live sarà solo il primo di tanti appuntamenti per tenere alta l’attenzione sui tumori del seno. Un’altra grande iniziativa si terrà a fine settembre con la Race Virtuale, nella quale oltre 20 Paesi europei riuniranno in contemporanea le forze per la stessa causa. Già da ora, sul sito www.komen.it, sarà possibile effettuare una donazione libera o scegliere tra i gadget della capsule collection dedicata alla Race e anche iscriversi alla Race Virtuale del 25, 26 e 27 settembre e ricevere la maglia ufficiale”.

Conclude Komen Italia con un appello: “Quest’anno la partecipazione alla Race sarà ancora più importante, anche se diversa, a distanza, simbolica, ma comunque concreta. Alla Race Live hanno confermato il loro sostegno anche numerose aziende partner, sensibili alle tematiche della salute e della prevenzione, tra cui Johnson&Johnson, Oysho, Vidermina, Aveeno, Pfizer e molte altre”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»