Fase 2, Bonetti: “Riaprono centri estivi per bambini sopra i 3 anni”

Centri estivi aperti dall'1 giugno: ci saranno linee guida differenziate per età e contesto
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Non ci siamo dimenticati dei più piccoli, mi ero presa personalmente l’impegno, e con me il Governo. Con linee guida differenziate per età e contesti e secondo le raccomandazioni ricevute dal Comitato tecnico- scientifico riaprono i centri estivi per i bambini sopra i 3 anni. Già da lunedi 18 nei parchi e all’aria aperta, dal 1 giugno i centri estivi e le diverse attività di gioco e sport previste. Ripartiamo dai bambini, dal gioco sostenendo così le famiglie in questa delicata Fase2 che vede la chiusura prolungata delle scuole”. E’ l’annuncio atteso che Elena Bonetti, ministra delle Pari opportunità e della Famiglia, ha dato pochi minuti fa a Sky Tg24.

LEGGI ANCHE: Centri estivi Emilia-Romagna, c’è anche ipotesi piscine. Ma l’opposizione attacca: “Niente di deciso”

La ministra ha tenuto a sottolineare “l’investimento di 185 milioni fatto per l’educazione e i centri estivi, 150 nel decreto e 35 già previsti dal mio ministero- ha spiegato- forse passato sotto traccia e che invece non era mai stato fatto così grande”. Sulle misure di sicurezza Bonetti ha ribadito che “le indicazioni su distanze, mascherine, e gruppi – che dovranno essere ridotti – cambieranno comunque a seconda dei contesti e dell’età, ci saranno quindi linee guida differenziate”.

La ministra che ha rivolto parole di fiducia e attesa verso quella “rete territoriale, anche del Terzo settore” che si attiverà su questo mondo legato alle attività dell’infanzia, ha concluso esprimendo gratitudine “ale Regioni, Province e Ministeri” che hanno lavorato con lei a queste linee guida.

LEGGI ANCHE: Fase 2, i pediatri: “Bene bambini al parco, ma state attenti”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»