Spiagge, la Sardegna non ci sta: “No a protocolli assurdi”

Il sindaco di Cagliari si arrabbia e chiama il governatore Solinas: "Non si può procedere in ordine sparso e le spiagge non possono subire tutte queste limitazioni"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CAGLIARI – “Sul tema spiagge non si può procedere in ordine sparso e nelle prossime ore incontrerò il presidente Christian Solinas per discutere insieme di una serie di proposte omogenee che possano garantire tutti i comuni sardi che si affacciano sul mare”. Così su Facebook nella serata di ieri Paolo Truzzu, sindaco di Cagliari.

LEGGI ANCHE: Spiagge, linee guida Inail e Iss: ombrelloni distanziati di 5 metri

“Sulle spiagge e sulla modalità di fruizione in questi giorni ho letto di tutto e di più- scrive Truzzu-. Per noi sardi le spiagge sono importanti, non solo perché siamo la Regione con più chilometri quadrati, ma perché sono anche uno straordinario luogo di socialità, che non può subire tutte le limitazioni previste da assurdi protocolli”.

LEGGI ANCHE: Spiagge, la rabbia di Toti: “Con queste linee guida impossibile riaprire”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»