Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Diritti, detenuto lascia Guantanamo portando con sé i suoi dipinti

Guantanamo_Bay_Cuba
Al-Darbi fornisce informazioni su Al-Qaeda, procuratore lo premia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ahmed Al-Darbi, 43 anni, è il primo detenuto ad aver lasciato il carcere di massima sicurezza di Guantanamo portando con sé tutte le tele e i disegni realizzati durante la prigionia. La speciale concessione è un “premio” per aver fornito informazioni utili alle operazioni di contrasto ad Al-Qaeda. Come riferisce la stampa statunitense, il rilascio dell’uomo, condannato nel 2014 a 13 anni di carcere per aver militato nella rete di Osama bin Laden, è avvenuto qualche settimana fa. Ad autorizzare il trasferimento delle opere è stato il procuratore generale Mark Martins, che ha spiegato di aver deciso di non applicare la norma secondo cui tutti i beni prodotti in carcere dai prigionieri diventano automaticamente di proprietà del governo degli Stati Uniti per ricompensare il “pentito”.
La cooperazione di Al-Darbi nelle indagini gli ha garantito anche altri “privilegi” nel corso della prigionia: la possibilità di tenersi in contatto con la famiglia, di guardare la televisione nonché di mangiare dolci – tra cui biscotti ‘Oreo’ alla fragola – e pietanze speciali, nonché di cucinare. A Riad Al-Darbi sconterà la fine della pena in un centro di riabilitazione per ex-jihadisti.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»