Elementor #202373

ROMA - "Se sono nelle condizioni di far partire un governo, lo facciano. Ora non possono piu' perdere tempo. Abbiamo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Se sono nelle condizioni di far partire un governo, lo facciano. Ora non possono piu’ perdere tempo. Abbiamo assistito ancora in queste ore a un balletto di dichiarazioni e responsabilita’ non ancora chiare che ci preoccupa molto. Siamo di fronte a un’inaccettabile paralisi per l’Italia a una difficolta’ politica evidente da parte di chi per 80 giorni ci ha raccontato che tutto si farebbe fatto in modo veloce e facile”. Maurizio Martina incalza M5s e Lega sulla formazione del governo.

Il segretario reggente del Pd denuncia un “balletto di annunci e propaganda che non corrisponde a governare il paese. Messi alla prova dei fatti questi leader ci stanno regalando pratiche percorsi che non hanno nulla a che vedere con il cambiamento”, aggiunge.

Martina attacca: “Quando sento che vogliono impostare la flat tax a vantaggio dei redditi medio alti e a svantaggio dei medio bassi, quando immaginano una riforma fiscale che prevede sconti da oltre 100mila euro per chi guadagna 400mila euro e niente per chi guadagna 20mila euro, vuol dire che stai facendo una politica sostanzialmente iniqua e noi faremo una battaglia in Parlamento perche’ queste politiche non passino. Lo stesso vale per il condono: antiche ricette che non fanno bene al Paese”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»