In Venezuela i manifestanti paralizzano Caracas: “Mai più dittatura”

Una maxi protesta in corso a Caracas tenterà di bloccare le due principali arterie della capitale: avenida Victoria e l'autostrada Francisco Fajardo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Paralizzare Caracas: questo l’obiettivo della maxi-protesta iniziata da poco – alle sette ora locale – lanciata dal Mud, il fronte delle opposizioni, in ben 14 punti della capitale del Venezuela, da dove poi i manifestanti convergeranno verso le due principali arterie della città: la avenida Victoria per il quadrante ovest, e l’autostrada Francisco Fajardo per quello orientale. L’iniziativa diffusa con gli hashtag #NoMasDitatura (“mai più la dittatura”, ndr), e #Resistencia (“resistenza”, ndr), torna a chiedere le dimissioni del governo del presidente Nicolas Maduro e l’avvio di nuove elezioni.

Da ormai 45 giorni quasi quotidianamente gli oppositori manifestano pubblicamente il loro dissenso nei confronti del governo, accusato di aver gettato il Paese nella crisi economica e quindi umanitaria. Per la mancanza di medicinali e il generale degrado dell’apparato sanitario, nel 2016 oltre 11 mila bambini con meno di un anno di eta’ hanno perso la vita. L’ultima mossa di Maduro è stata l’adozione di un decreto con cui ha istituito un’Assemblea costituente incaricata di riformare la Costituzione, spingendo una fetta consistente della popolazione a temere un tentativo di colpo di Stato.

di Alessandra Fabbretti, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»