Scuola, l’Aula della Camera approva l’articolo 1 della riforma. Giannini: Si attua autonomia

ROMA - L'aula della Camera ha approvato l'art. 1
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

lavagna renziROMA – L’aula della Camera ha approvato l’art. 1 del ddl di riforma della scuola con 243 si’, 107 no e 1 astenuto. Bocciati tutti gli emendamenti tranne 1.500 (prescrizione della commissione Bilancio). Il M5s e Sel hanno votato contro. L’articolo 1 del provvedimento (in tutto sono 27) riguarda “Oggetto e finalità” della riforma. Nel testo, tra l’altro, si legge: “Al fine di innalzare i livelli di istruzione e le competenze delle studentesse e degli studenti, di contrastare le diseguaglianze socio-culturali e territoriali, di prevenire e recuperare l’abbandono e la dispersione scolastica, di affermare il ruolo della scuola nella società della conoscenza, di costruire curricoli coerenti con i nuovi stili di apprendimento, in coerenza con il profilo educativo, culturale e professionale degli ordini di scuola, di realizzare una scuola aperta, quale laboratorio permanente di ricerca, sperimentazione e innovazione didattica, di partecipazione e di educazione alla cittadinanza attiva, di garantire il diritto allo studio e pari opportunità di successo formativo per gli studenti e l’educazione permanente per tutti i cittadini, la presente legge dà piena attuazione all’autonomia delle istituzioni scolastiche”.

“Approvato articolo 1 #labuonascuola finalmente si potrà dare piena attuazione all’autonomia” ha scritto su twitter il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»