Senza tetto né cibo per i figli, Polizia di Reggio Emilia paga albergo e cena

senza fissa dimora
Gli agenti hanno aiutato la donna di nazionalità pakistana trovandole una stanza a loro spese ed utilizzando i loro buoni pasto per procurare cibo a lei e ai bambini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO EMILIA – Affamata come i suoi bambini e senza un posto dove trascorrere la notte è stata aiutata dalla Polizia, che le ha offerto vitto e alloggio. È la storia di solidarietà avvenuta ieri a Reggio Emilia, dove gli agenti sono intervenuti per la segnalazione di una lite in atto. Si sono così imbattuti in una coppia di nazionalità pakistana: l’uomo, locatario dell’immobile di proprietà della connazionale, si rifiutava di offrire ospitalità a lei e ai suoi figli. Alla Polizia la donna ha detto di non avere più un lavoro né un luogo dove poter trascorrere la notte con i figli, rimasti a digiuno da ore. A quel punto, i poliziotti hanno pagato a spese proprie alla cittadina una camera d’albergo e usato i loro buoni pasto per assicurare la cena a lei e ai bambini. Infine hanno dato alla donna il recapito telefonico dei servizi assistenziali a cui potersi rivolgere.

LEGGI ANCHE: Azienda veronese paga un dipendente per dedicarsi al volontariato nella Croce Rossa

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»