Il Comune di Rimini e i bagnini stroncano il box di plexiglass in spiaggia: “È una fake news”

Sono ipotesi che "danneggiano l'immagine" del turismo. Non e' un modello su cui si sta lavorando per attrezzare le spiagge questa estate
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Il Comune di Rimini e cooperative di bagnini di Legacoop Romagna stroncano le cosidette “soluzioni” in plexiglas per attrezzare le spiagge, bollandole come “fake news” e ipotesi che “danneggiano l’immagine” del turismo. Ad attaccare per prima e’ l’assessore comunale al Demanio Roberta Frisoni parlando di “narrazione fantascientifica, scambiata magari per concreta ipotesi di lavoro”. E aggiungendo che certe “fake news vanno stroncate subito”. Si tratta, incalza, “di una mera suggestione avanzata da imprenditori privati in totale autonomia commerciale, senza alcun riscontro sul piano formale, amministrativo, legale e, se vogliamo, anche di sensatezza”. Insomma, ribadisce, “non e’ un modello su cui si sta lavorando per attrezzare la nostra spiaggia questa estate, come hanno ben spiegato il sindaco di Rimini e i rappresentanti delle associazioni balneari”. 

Il Comune “si sta quotidianamente confrontando con le associazioni di categoria, con la regione, il governo e con i diversi soggetti coinvolti su queste e altre questioni per affrontare l’emergenza e accompagnare la ripartenza del comparto turistico e, in generale, dell’economia del nostro territorio. Questa e’ la sola realta’ dei fatti”. Detto cio’, “possiamo e dobbiamo contemporaneamente auspicare una corretta informazione dei fatti, che non ha nulla a che fare con idee o disegni che non scaturiscono da questo confronto e che rischiano gia’ adesso di diffondere una immagine distorta della nostra riviera, e del lavoro pubblico e privato che si sta facendo per ripartire da questo difficilissimo momento”.

Pure Stefano Patrizi, responsabile cooperative balneari Legacoop Emilia-Romagna parla di un’idea, quella di “‘ospedalizzare’ gli ombrelloni dentro box in plexiglass che puo’ suggestionare solo chi e’ all’oscuro delle dinamiche di propagazione del virus e del turismo di spiaggia, pensando di poter confinare immobili dentro cubi asfissianti famiglie con bambini“. 

Di piu’, per i bagnini quell’idea “nuoce gia’ all’immagine della nostra spiaggia, il cui successo e’ basato sulla promozione di un turismo sicuro, serio, dignitoso, condiviso dalla comunita’. L’idea di turismo basata su accoglienza, ospitalita’ e benessere non puó essere messa in discussione“, prosegue. Per questo, i bagnini di Legacoop si appellano “al senso di responsabilita’ delle istituzioni, affinche’ si continui a lavorare per un avvio della stagione solo in condizioni di assoluta sicurezza sanitaria e di sostenibilita’ economica per gli operatori, coinvolgendo approfonditamente le cooperative nella discussione e predisposizione della fase del rilancio”.

Perche’ “solo quando le condizioni sanitarie e di sicurezza ottimali saranno garantite dalle istituzioni si potra’ valutare l’apertura della stagione balneare”, e’ la chiosa. Intanto, la pagina Facebook di ‘Cattolica futura’ (nata per raccogliere idee per la citta’ con circa mille iscritti) mette letteralmente in ridicolo la proposta box in plexiglass, proponendo ironicamente un “cubo antivirus in cemento armato” da piazzare in spiaggia. Il plexiglass “e’ troppo invasivo”, si legge, mentre il cemento armato garantisce “massima protezione contro ogni pericolo, ed e’ riutilizzabile come scogliera nel 2021”. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»