Coronavirus, in Brasile la festa per il veterano 99enne: è guarito

Piveta: "La lotta e’ stata tremenda, peggiore di una guerra”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Annunciato dalle trombe suonate dai militari e scortato da due ali di infermieri, con in testa il berretto dell’esercito col quale combatte’ al fianco degli alleati nella Seconda guerra mondiale: non e’ stata una dimissione d’ospedale come tutte le altre quella di Ermando Piveta, veterano di 99 anni guarito dal Covid-19 dopo otto giorni di ricovero nel Hospital das Forcas Armadas di Brasilia. Secondo il quotidiano Folha de S. Paulo, l’ex militare, che combatte’ in Africa, e’ il paziente piu’ anziano in Brasile ad aver sconfitto la patologia respiratoria provocata dal nuovo coronavirus. Appena uscito dall’ospedale, Piveta, che nel 2019 aveva ricevuto un’importante onorificenza militare dal presidente Jair Bolsonaro, ha detto che “la lotta e’ stata tremenda, peggiore di una guerra”. I media brasiliani hanno sottolineato che le dimissioni del veterano sono cadute nell’anniversario della cosidetta ‘Tomada di Montese’: combattuta in Emilia Romagna nel 1945, e’ una delle piu’ famose battaglie combattute dall’esercito brasiliano durante la Seconda guerra mondiale. Stando ai dati dell’Organizzazione mondiale della sanita’ (Oms), a oggi i casi confermati di Covid-19 in Brasile sono oltre 23mila. Almeno 1.328 i decessi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»