Coronavirus, Trump sospende i contributi all’Oms: “Gestione disastrosa”

Per il presidente americano sarebbero state diffuse "fake news" sulla "trasmissione e il tasso di mortalita'" del Covid-19
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il presidente americano Donald Trump e’ andato fino infondo: ha confermato la sospensione dei contributi economici all’Agenzia Onu per la salute (Oms), cosi’ come aveva minacciato qualche giorno fa, accusando l’organismo di aver aiutato la Cina ad “insabbiare”, in una prima fase, l’epidemia del nuovo ceppo di coronavirus.

Il capo della Casa bianca ieri ha dichiarato: “A partire da oggi ordino la sospensione dei finanziamenti all’Organizzazione mondiale della sanita’, fintanto che sara’ realizzato uno studio volto ad esaminare il ruolo dell’Oms nella pessima gestione e nell’insabbiamento dell’epidemia di coronavirus“.

Per il presidente americano sarebbero state diffuse “fake news” sulla “trasmissione e il tasso di mortalita’” del Covid-19.

Gli Stati Uniti contribuiscono al 10 per cento della quota che ogni nazione versa ogni anno all’Agenzia Onu. Ad oggi, gli Usa sono anche il Paese che registra il maggior numero di casi di coronavirus: oltre 670mila i contagi e 27.400 i morti. Ad essere piu’ colpito e’ lo stato di New York.

Nell’omonima metropoli, pochi giorni fa ha fatto molto discutere la decisione delle autorita’ di interrare in una fossa comune le salme di 40 persone senzatetto o indigenti decedute con coronavirus.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»