Evasi dal carcere di Foggia arrestati con il proprietario del nascondiglio

Un 55enne di San Marco in Lamis avrebbe messo a disposizione dei tre ricercati arrestati ieri la cava di Apricena in cui hanno trascorso la loro latitanza
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BARI – Favoreggiamento personale e procurata inosservanza di pena con l’aggravante mafiosa. Queste le accuse a carico di un uomo di 55 anni di San Marco in Lamis (Fg) arrestato dagli agenti di polizia perchè avrebbe messo a disposizione dei tre ricercati arrestati ieri alla cava di Apricena in cui hanno trascorso la loro latitanza. Nel nascondiglio di proprietà del 55enne, i poliziotti hanno trovato oltre a Francesco Scirpoli e Angelo Bonsanto, evasi dal carcere di Foggia lo scorso 9 marzo, Pietro La Torre ricercato da più di un anno e accusato di reati contro il patrimonio. Gli investigatori stanno indagando sulla rete di persone che ha aiutato i tre fuggitivi considerati elementi di spicco del gruppo criminale Lombardi-Ricucci-La Torre affiliata ai Romito. Nella cava in cui hanno passato le ultime settimane, sono state ritrovate radio ricetrasmittenti, telefoni cellulari del tipo usa e getta, diverso denaro contante e cibo. Mentre nelle auto parcheggiate davanti alla cava c’erano indumenti e altro materiale al vaglio degli inquirenti. 

LEGGI ANCHE: Disordini al carcere di Foggia per le restrizioni anticovid-19, interviene anche l’esercito

Detenuti evasi dal carcere di Foggia ricercati anche in Molise

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»