Crimi: “Il Mes senza condizionalità non esiste, è ipoteca sul futuro”

"Rimane una fregatura, non lo voteremo mai in Parlamento", dice il Capo politico del M5s
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Accettando il Mes l’Italia metterebbe un’ipoteca sul suo futuro. Bisogna percorrere altre strade”. Così il capo politico del Movimento 5 Stelle Vito Crimi in una intrevista rilasciata al Fatto quotidiano.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Fico: “Tra Mes e eurobond sicuramente meglio questi ultimi”

“Il Mes senza condizionalità non esiste. Innanzitutto, perché non è stato ancora approvato. Poi perché queste condizialità sarebbero alleggerite solo nella fase di pre-valutazione del Paese che chieda di farvi ricorso. Ma come e quando si dovrà restituire il prestito è tutto da definire”.

“SUL MES IL PD METTE IN DISCUSSIONE CONTE E IL GOVERNO”

Rispetto al Mes “la posizione di Renzi non mi stupisce, lui non mi stupisce mai. Invece mi stupiscono le parole del Pd, perché mettono in discussione la linea del governo e del presidente del Consiglio Conte, che ha espresso la necessità di altri strumenti contro la crisi”, afferma Crimi.

Alla domanda se questa situazione renda più fragile il lavoro per Conte al tavolo europeo, Crimi risponde: “Sì, e dipende dall’atteggiamento sbagliato del Pd, che sta smentendo il premier”. Rispetto a un ipotesi di un chiarimento nella maggioranza il capo politico del Movimento replica: “No, serve che il Pd chiarisca al Paese perché ha cambiato posizione”.

“L’Italia non è la Spagna. Se altri Paesi riterranno di voler utilizzare un Mes light, nessun problema. Ma per noi rimane una fregatura. Non lo voteremo mai in Parlamento”, conclude Crimi.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»