Il messaggio di Mattarella: “Papa feconda fonte di ispirazione per soluzioni giuste”

Il Capo dello Stato ha inviato una lettera a Francesco in occasione della Pasqua
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una lettera che parla di pace e di Europa unita. E’ quella inviata dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Papa Francesco, in cui il Pontefice viene indicato come “feconda fonte di ispirazione, in particolare nella ricerca di soluzioni giuste, eque e sostenibili”.

IL MESSAGGIO

 “In occasione della Santa Pasqua desidero porgerLe, a nome del popolo italiano e mio personale, i più sentiti e calorosi auguri. Questo tempo, denso di prospettive di progresso per l’umanità ma anche di motivi di inquietudine, rende particolarmente acuto l’anelito di pace, di giustizia e di rinascita che la festa di Pasqua simboleggia e sul quale Vostra Santità invita costantemente a riflettere. L’alto magistero e la sua instancabile azione pastorale continuano, infatti, a rappresentare una feconda fonte di ispirazione, in particolare nella ricerca di soluzioni giuste, eque e sostenibili per le grandi sfide che la comunità internazionale è chiamata ad affrontare”.

In particolare, “l’attenzione che Vostra Santità ha rivolto all’Europa con il discorso ai Capi di Stato e di governo e ai vertici delle istituzioni dell’Unione Europea alla vigilia del 60mo anniversario della firma dei Trattati di Roma costituisce un incoraggiamento a rilanciare il grande progetto di integrazione continentale. Le prossime festività pasquali mi offrono l’occasione, Santità, di ringraziarla per la premura pastorale verso l’Italia, testimoniata da ultimo dalle sue recenti visite a Milano, Carpi e Mirandola. In attesa di accoglierLa prossimamente al Quirinale, Le rinnovo l’espressione dei miei sentimenti di amicizia e di profonda considerazione per la sua alta missione apostolica, uniti agli auguri di tutti gli italiani per la Santa Pasqua e per la fausta ricorrenza del suo onomastico, ormai prossimo”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»