hamburger menu

Napoli-Eintracht, alta tensione prima del match di Champions: assalto ai bus con i tifosi tedeschi

Nonostante la trasferta vietata ai residenti a Francoforte, circa 400 ultras sono arrivati (senza biglietti) nel capoluogo partenopeo

Pubblicato:15-03-2023 11:48
Ultimo aggiornamento:15-03-2023 16:12
Canale: Napoli
Autore:
tifosi_napoli_eintracht
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – A Napoli, nonostante il divieto di trasferta imposto ai tifosi dell’Eintracht Francoforte, la situazione dell’ordine pubblico prima della partita di ritorno degli ottavi di Champions League di stasera al Maradona è “calda”. Ieri sera gli autobus a bordo dei quali viaggiavano gli ultras tedeschi scortati dalla polizia sono stati presi d’assalto dagli ultras del Napoli. Su Twitter circola il video dell’aggressione in cui si vede un gruppo di tifosi napoletani lanciare razzi e petardi contro gli autobus di linea.

Video Twitter

ULTRAS TEDESCHI A NAPOLI NONOSTANTE IL DIVIETO

La trasferta a Napoli è stata ufficialmente vietata ai residenti a Francoforte ma in città sono ugualmente arrivati circa 400 ultras tedeschi mischiati agli ultras dell’Atalanta. La polizia li ha bloccati alla Stazione Centrale e li ha scortati a bordo di autobus di linea nell’hotel in cui avevano prenotato delle camere. Tutti sprovvisti di biglietti. Oggi sarebbero attesi altri ultras dalla Germania.

IL CORTEO DEGLI ULTRAS DELL’EINTRACHT

I tifosi dell’Eintracht Francoforte che non dovevano venire a Napoli per il ritorno degli ottavi di Champions, sono a Napoli. E vagano in processione per la città scortati dalle forze dell’ordine. Circa 600 le persone arrivate tra ieri sera e stamattina, sistemate negli alberghi sul lungomare. Tutti senza biglietto a causa del divieto di vendita imposto dalle autorità. I social traboccano di video dei cortei: a unirli si traccia una sorta di maratona, che va da viale Dohrn a Mergellina, a piazza Municipio, poi via Toledo fino a piazza Trieste e Trento. A passo svelto, di corsa, in marcia, alla spicciolata: gli ultras tedeschi non si sono fermati nemmeno per la grandinata che si è abbattuta intorno alle 14 sulla città.

Sono circa 800 gli uomini delle forze dell’ordine che cercano di contenerli, e di separarli dai tifosi del Napoli che vorrebbero vendicarsi per gli scontri dell’andata a Francoforte, dopo cui furono registrati oltre 40 arresti. Il timore è che si inneschi una guerriglia in pieno centro storico. Mentre resta da capire dove gli ultras tedeschi vedranno la partita, impossibilitati come sono a raggiungere lo stadio Maradona.

ULTRAS EINTRACHT LANCIANO BOTTIGLIE DI VETRO CONTRO BAR

Sarebbero ultras della squadra di calcio dell’Eintracht Francoforte le dieci persone che nella notte hanno lanciato bottiglie di vetro contro un bar a Napoli, in piazza Bellini. Il gruppo ha agito travisato e vestito di nero. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli, allertati da militari dell’esercito di vigilanza in piazza. Non ci sono feriti. Il bar, l’Alkymya Bellini, era chiuso quando è avvenuto il lancio. Continuano le indagini dei carabinieri per identificare le persone coinvolte.

E IL PRESIDENTE UEFA CRITICA L’ITALIA: “DIVIETO TRASFERTA INTOLLERABILE”

Il divieto di trasferta per i tifosi dell’Eintracht Francoforte a Napoli per il ritorno degli ottavi di Champions è diventato un caso anche per la Uefa. In una intervista alla ZDF il presidente Aleksander Ceferin ha definito la decisione delle autorità italiane “inaccettabile”: “Questa situazione è intollerabile. Abbiamo urgente bisogno di fare qualcosa perché la decisione presa dalle autorità è assolutamente sbagliata. Dobbiamo dire che se succede qualcosa del genere, non si giocherà lì. È molto semplice, cambieremo le regole”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-03-15T16:12:28+01:00