VIDEO | Coronavirus, il guru del Kazakistan: “Ci salveremo, e ho pure la formula chimica”

Grigorij Petrovic Grabovoj ed è un professore di matematica del Kazakistan. Ha una passata condanna per frode aver promesso di resuscitare i bambini della strage di Beslan
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il coronavirus si batte con la spiritualità. E realizzando subito un vaccino e un farmaco, a partire da una formula chimica già pronta. La mia. È questa la ricetta anti-pandemia presentata in “esclusiva mondiale” da Grigorij Petrovic Grabovoj. Lui, il guru, un professore di matematica nato 57 anni fa in Kazakistan, è stato descritto nel tempo come mago dei numeri e messia, perseguitato politico e ciarlatano.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, il Papa prega al Crocifisso che fece finire la grande peste

L’annuncio, affidato a una video-intervista pubblicata in questi giorni sul sito della sua fondazione, comincia con un appello all'”anima spirituale” e alla “coscienza dell’umanità”, invitata a progredire nel “sostegno reciproco, nella compassione e nello sviluppo delle tecnologie” per prevenire anche le epidemie più insidiose.

 

Dopo le prime battute, lo sguardo assorto in favore di telecamera, arriva l’affondo: “Posso mettere subito a disposizione una formula chimica per realizzare sia un vaccino che un farmaco, il cui uso può essere reso più efficace dall’impiego di un’apparecchiatura messa a punto da me, che permette di risparmiare tempo in questa prima fase di emergenza”. Grabovoj fa appello ai “laboratori certificati” affinché creino “partnership internazionali” e risponde a una domanda sull’Italia, definendola Paese “ad alto potenziale di spiritualità”, capace di superare la crisi e trasmettere la sua esperienza a livello internazionale. 

LEGGI ANCHE: L’emergenza Coronavirus durerà fino a giugno

Difficile capire cosa sarà. Di certo, di Grabovoj negli ultimi anni si è parlato spesso. Il professore, teorico di un sistema “di salvezza e sviluppo armonioso”, esule in Serbia a causa di quella che definisce “una campagna diffamatoria in Russia”, ha già avuto problemi con la giustizia. Come quando nel 2008 è stato condannato a 11 anni di carcere con l’accusa di frode per aver promesso la resurrezione dei bambini uccisi nell’attentato terroristico nella scuola di Beslan.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»