fbpx

Giovani innovatori, nasce l’alleanza Italia-Sudamerica

ROMA – Che siano “cervelli in fuga” o meno, l’Italia punta a tenere i giovani talenti all’estero uniti al sistema Paese, sia attraverso opportunita’ sul nostro territorio, sia attraverso la creazione di una rete che coinvolga anche soggetti “altri” come universita’, centri di ricerca, istituzioni e mondo dell’imprenditoria. Lo spiega all’agenzia ‘Dire’ Vincenzo De Luca, a capo della direzione per la Promozione del sistema Paese del ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale.

E’ proprio la Farnesina che ha promosso la firma di un protocollo di intesa tra l’Associazione nazionale dei giovani innovatori (Angi), e la Federazione iberoamericana dei giovani imprenditori (Fije). Un piano che punta a creare “un ponte tecnologico tra Angi, in rappresentanza di Italia e Europa, e il Sudamerica con Fije, che raduna oltre 180mila imprese in 17 paesi tra cui anche Spagna e Portogallo” sottolinea Gabriele Ferrieri, presidente dell’associazione fondata nel 2017 col supporto della Commissione cultura dell’Europarlamento e dell’Intergruppo parlamentare innovatori.

Secondo Ferrieri, col motto ‘Innovazione in tutte le sue forme’ Angi intende “promuovere il nostro sistema Paese anche in quell’angolo di mondo a partire dal trasferimento tecnologico”. Ma al tempo stesso, assicura il dirigente, “vogliamo essere al fianco di tutti i giovani che vogliano sviluppare la loro idea di business in una visione internazionale”.

Oggi Angi conta oltre mille soggetti tra persone fisiche e giuridiche, e due sedi, a Parigi e a La Valletta. “L’ufficio di Buenos Aires – dice Ferrieri – sara’ un hub per l’America Latina, una regione che costituisce un ulteriore tassello del percorso gia’ avviato in Europa”. La consulenza offerta da Angi si articola a vari livelli, dallo sviluppo dell’idea al suo consolidamento con programmi di formazione, pianificazione aziendale e attivita’ di networking e b2b, sia ai singoli innovatori che a startup o ad aziende gia’ avviate.

Ma a che punto e’ la presenza delle nostre aziende in America Latina? “C’e’ ancora molto lavoro da fare, eppure le opportunita’ in Paesi non tradizionali sono molte” risponde il sottosegretario agli Affari Esteri Ricardo Merlo, che aggiunge: “Penso a Paesi come Colombia, Ecuador, Peru’, Cile. Come governo, ci stiamo impegnando per accompagnare le nostre imprese a investire in quelle aree per il bene di tutto il Paese” perche’ “l’unico modo di abbattere il debito estero e’ aumentare il Pil”. Si tratta tuttavia di aree instabili, non e’ un deterrente per gli imprenditori? “Non sempre nella stabilita’ ci sono opportunita’ economiche, anzi, a volte bisogna investire in Paesi piu’ instabili se si vuole guadagnare” dice Merlo. “Bisogna allargare gli orizzonti”.

E’ in questa ottica che il direttore generale per la Promozione del sistema Paese, De Luca, ha ricordato l’Erasmus delle startup, “una misura che abbiamo introdotto nel piano straordinario per il ‘made in Italy’ per consentire non solo alle imprese, ma anche ai giovani e a quelli che promuovono startup, di compiere esperienze in Europa e oltre”. Per De Luca si tratta “di un’opportunita’ per crescere velocemente. Oggi innovazione e digitale permettono di passare rapidamente da un’idea a un’impresa, da una startup a una scaleup. A patto pero’ che questo processo venga accompagnato e sostenuto: ecco il valore di associazioni come Angi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

15 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»