Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Messaggio agli italiani: Salvini e Di Maio vi stanno fregando, si rivota ad ottobre

Ricordate i problemi dei cittadini? Erano le urgenze della campagna elettorale, ma dopo 10 giorni tutti i problemi sembrano spariti.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ricordate i problemi dei cittadini? L’invasione degli immigrati, la sicurezza, il lavoro ai giovani, l’abolizione della maledetta legge Fornero… E chi più ne ha più ne metta. Erano le urgenze della campagna elettorale. Dopo 10 giorni tutti i problemi sembrano spariti.

E’ cominciato il balletto sulle poltrone… La Camera a te, il Senato a me. Il Governo e la maggioranza? Boh, si vedrà…

I leader vincitori, Matteo Salvini della Lega prima di tutti, e Luigi Di Maio capopolo ‘grillino’, stanno incontrando gente, vanno in giro e parlano ai giornalisti italiani e del mondo. In una parola, e questo non sfugge a chi conosce ‘lor signori’: stanno prendendo tempo.

Il perché è presto detto: sia la Lega che il M5S ora non vogliono governare e preferiscono ‘spartirsi’ un più ricco bottino elettorale il prossimo ottobre. Come mai? Chi sta dietro le quinte e segue i leader lo spiegano così: c’è poco tempo, ora bisogna fare la manovra economica da inviare a Bruxelles.

Salvini sa che la legge Fornero ora non si può cassare e tutte le cose promesse adesso non può attuarle; lo stesso Di Maio, con il suo reddito di cittadinanza e i soldi pubblici da rimettere in giro.

Quindi, ecco l’intesa tra i due, meglio far fare la manovra al Pd del Governo Gentiloni, così magari si prendono ancora qualche fischio; approvare al volo una modifica alla legge elettorale, introducendo il premio di maggioranza alla coalizione (o al partito più grande) e a ottobre chiamare di nuovo i cittadini a votare.

Ma stavolta dovranno scegliere: Salvini o Di Maio, e buonanotte a tutti gli altri, che si riconsoleranno, come si dice a Roma, ‘co’ l’ajetto’ qualche seggio di rappresentanza.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»