Olimpiadi, Sala: “Senza Governo difficile avanzare candidature”

"E' il governo che deve avanzare una candidatura insieme al Coni, mi sembra sbagliato per noi avanzare candidature", dice il sindaco di Milano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – “Credo che senza un governo sarà difficile per l’Italia avanzare candidature e non credo che il ‘Cio’ (Comitato olimpico internazionale, ndr) non apprezzi una situazione in cui tante città di un Paese si fanno avanti. Meglio essere prudenti“. Tornato sull’argomento Olimpiadi 2026, il sindaco di Milano Giuseppe Sala ribadisce come il capoluogo lombardo in questo momento “non possa che rimanere assolutamente immobile“.

Il sindaco meneghino, intervenuto a margine della conferenza stampa di inaugurazione del Frecciarossa Genova-Milano-Venezia, tenutasi negli spazi della Sala Reale in Stazione centrale, a Milano, ricorda inoltre che “non sono le città che si candidano”, ma “è il governo che avanza una candidatura insieme al Coni, e mi sembra sbagliato per noi avanzare candidature“, dice Sala, pur nel rispetto di ciò che decidono altre città.

“Rimane il fatto che le Olimpiadi possono essere un buon evento in funzione di quelli che sono gli elementi di contorno- chiarisce Sala- per esempio gli investimenti o il destino del villaggio olimpico a Olimpiadi chiuse, valutazioni che non sono state minimamente affrontate”, conclude il sindaco di Milano.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»