Caso Graziano, il pm: “La politica ha fatto le sue valutazioni” VIDEO

"Da parte nostra non ci sono state richieste cautelari. La nostra indagine è durata 3 mesi, utili a dimostrare l’innocenza del consigliere regionale"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Le ricadute politiche e mediatiche legate al caso del consigliere regionale del Pd, Stefano Grazianosono frutto di autonome valutazioni da parte della politica, credo che ognuno debba assumersene le responsabilità”. Lo ha detto Giuseppe Borrelli, procuratore aggiunto della Repubblica di Napoli, parlando in conferenza stampa dell’inchiesta che oggi ha portato all’arresto di 66 “colletti bianchi” che gestivano un giro di appalti.


Al centro dell’indagine c’è un appalto finito già in un’inchiesta che portò a un’indagine nei confronti di Stefano Graziano, poi prosciolto. “La sua vicenda – ha aggiunto il procuratore – viene periodicamente evocata. Io ho ricevuto da parte di Graziano e dei suoi avvocati l’apprezzamento per l’operato della procura. Ricordo che da parte nostra non ci sono state richieste cautelari. La nostra indagine è durata 3 mesi, utili a dimostrare l’innocenza del consigliere regionale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»